Il sovrappeso in gravidanza è ereditario e mette a rischio la salute del bambino

di Redazione 1

Il peso conta. I chili di troppo prima e durante la gravidanza possono essere pericolosi per la salute della mamma, ma anche per quella dei bambini. In questi anni, la comunità scientifica ha discusso moltissimo del peso ideale in gestazione, anche perché – per molto tempo – è passato messaggio che le donne potevano tranquillamente mangiare per due, portando in grembo il bimbo. Non è così e tra l’altro anche prima del concepimento è molto importante che la donna s’impegni per mantenere il peso forma.

Non è una questione estetica, ma ovviamente di salute. I chili in più contribuiscono all’innalzamento di valori quali il colesterolo, la glicemia, ma anche la pressione mettendo a rischio la gestazione ed esponendo il bambino, una volta adulto, a questi problemi. A sostenerlo è un nuovo studio, elaborato grazie alla collaborazione di due importanti università, quella Ebraica di Gerusalemme (Israele) e quella di Washington (Seattle, Usa).

Sono state monitorate circa 1.400 persone nate a Gerusalemme a metà degli anni Settanta, quindi oggi adulti con circa 35 anni. Dallo studio è emerso che i volontari con problemi di peso, pressione alta, trigliceridi e insulina alle stelle erano nati da mamme che in gravidanza avevano preso più di 14 chili. I figli, inoltre, durante la crescita hanno mostrato un indice di massa corporea superiore a quello dei ragazzi venuti al mondo da madri che in gestazione avevano accumulato circa 9 chili. Insomma, non è assolutamente vero che si può prendere peso a volontà e soprattutto che una volta smaltito non ci siano conseguenza.

I chili lasciano sul piccolo un’importante eredità che prima o poi dovrà in qualche modo scontare. State quindi attente, care mamme, a mantenervi negli standard segnalati dal vostro dottore, ma anche a non iniziare una gestazione con già dei chili in più. Se state cercando una gravidanza o avete desiderio di avere un bimbo, fate una dieta per ritrovare il peso forma. Il sovrappeso non si sconfigge mai con i dopo e i domani, ma con la volontà di iniziare subito a correggere alcune abitudini “cattive”.

Photo Credits| ThinkStock