Parto record: donna di 200 chili dà alla luce il suo bambino

di Redazione Commenta

Sarà dimessa oggi la donna di 35 anni di circa 200 chili che ha dato alla luce un bimbo di 3 chili e 800 grammi all’ospedale San Camillo di Roma. Perché parliamo di questo parto? Ovviamente perché è una storia incredibile, almeno per noi italiani che non siamo abituati ai maxi obesi e soprattutto a parti così complicati. E poi perché ancora una volta ricorre un tema molto attuale: il peso durante la gravidanza.

Il parto è stato programmato e ovviamente avvenuto attraverso taglio cesareo. La donna dopo la nascita del bimbo è rimasta in rianimazione per 24 ore in osservazione. Lo scopo ovviamente è stato quello di monitorare la sua condizione di salute e intervenire in caso di complicazioni. Claudio Donadio, primario del reparto di Ginecologia e ostetricia e del dipartimento materno dell’ospedale romano, ha dichiarato:

Quando si ha a che fare con pazienti obese occorre prendere particolari precauzioni, sia di tipo medico che organizzativo. Spesso, infatti, possono esserci problemi tromboembolici e, inoltre, non è sufficiente la strumentazione normalmente utilizzata per il parto: abbiamo dovuto chiedere in prestito il lettino dal reparto di chirurgia bariatrica.

Il San Camillo ha dovuto strutturare un’equipe ad hoc. La bella notizia è che la mamma e il suo bimbo stanno bene e attendono di essere dimessi. Bisogna considerare la difficoltà di questa gestazione: la donna, a causa della sua condizione, soffre d’ipertensione e ha sviluppato il diabete gestazione. Il peso ovviamente è la causa di tutto. Ricordiamo che le linee di guida inglese hanno evidenziato che il rischio di mortalità per gravide in stato di obesità e per il loro bambino è più alto del 50 percento. Ne vale la pena? Come sempre, il consiglio è quello di mettersi a dieta prima del concepimento e di seguire poi con molta attenzione le indicazioni del medico nei nove mesi.

 

Photo Credit| ThinkStock