Il latte materno migliora la flora intestinale e il sistema immunitario del bambino

di Redazione 1

Il latte materno è l’alimento più completo che il bambino possa ricevere nei primi mesi di vita. Lo abbiamo detto in molte occasioni, ma ci tengo a ricordare che questa non è una campagna contro il latte artificiale e chi ne fa uso (per scelta o per necessità). È semplicemente un modo per offrirvi, care mamme, delle informazioni. Una nuova ricerca, elaborata dal Duke University Medical Center, ha verificato come il latte materno sia in grado di proteggere l’intestino dei piccoli.

Secondo quanto è emerso dallo studio, il latte della mamma stimola la formazione di una flora microbiotica che favorisce l’assorbimento delle sostanze nutritive e lo sviluppo del sistema immunitario. Risultato? Meno infezioni intestinali e respiratorie durante l’infanzia, meno allergie, meno rischi di sviluppare malattie gravi come il diabete di tipo 1 o la sclerosi multipla.

Ma com’è possibile? Gli esperti hanno notato che il latte materno crea una sorta di biopellicola in grado di proteggere il corpo dagli attacchi di agenti patogeni e dalle infezioni. Quest’effetto, tra l’altro, non dura solo nel periodo limitato dell’allattamento, ma si protrae almeno nei primi anni del bambino. Nonostante gli studi siano ancora parziali, i ricercatori sono convinti che possa fungere da scudo anche per sviluppare il cancro.

William Parker, primo autore della ricerca, ha dichiarato:

Si tratta del primo studio che esamina gli effetti della nutrizione infantile sul modo in cui i batteri crescono, focalizzandosi sui benefici che ha l’allattamento al seno rispetto ad altre formule di nutrizione per i neonati. Solo il latte materno sembra promuovere la creazione di una salutare colonia batterica. Queste scoperte potrebbero essere impiegate per sviluppare dei surrogati del latte materno in grado di imitare meglio i benefici dell’allattamento al seno nel momento in cui questo non è possibile.

È quindi ben chiaro il messaggio: se potete allattare, fatelo. Intanto la scienza sta lavorando per aiutare tutte quelle mamme che non hanno latte a nutrire i loro piccoli con prodotti di qualità.

Photo Credit| ThinkStock

[Fonte]