Vacanze con i bambini, vademecum del Bambin Gesù – parte prima

di Fabiana Commenta

In vacanza con i bambini? La sicurezza prima di tutto: mai dimenticare le regole per i più piccoli e l’ideale è seguire il vademecum sul piccolo viaggiatore redatto dai pediatri dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Bambini vacanza gratis promozioni

Farmaci da portare in viaggio, tempo dell’esposizione al sole, vacanze in montagna o al mare, vaccinazioni e rischi vari. Ecco la prima parte dei consigli da seguire. 

1. I farmaci da portare in viaggio

Meglio non riempire la borsa di farmaci non necessari, ma portare solo quelli utili in diverse esigenze.

  • un antipiretico-analgesico: paracetamolo o l’ibuprofene, meglio quelle somministratili per via orale che si conservano meglio.

– sali reidratanti: utili in caso di vomito e/o diarrea per evitar la disidratazione. Meglio le bustine rispetto alle formulazioni liquide.

– antistaminico in gocce per eventuali reazioni allergiche.

– farmaco per mal d’auto, nave o aereo, sciroppo o gomma da masticare;

– crema antistaminica per lenire il bruciore da punture d’insetto;

– fialette di soluzione fisiologica ottime per i lavaggi nasali e per  detergere una ferita;

– antisettico per uso topico per disinfettare le piccole ferite;

  • farmaci prescritti dal proprio medico di fiducia se si viaggia in paesi esotici.
  • Da portare anche o farmaci specifici per qualche patologia,  ammoniaca per le irritazioni causate dalle meduse; cerotti e garze di diversa taglia; repellenti per zanzare, zanzariera da applicare sulla culla; termometro elettronico; crema reidratante per eritemi solari; i prodotti necessari per l’alimentazione di un lattante.

Controllare che le vaccinazioni siano in regola e scrivetevi la data dell’ultima vaccinazione antitetanica, che potrà essere molto utile in caso di ferite profonde;

– memorizzate sul telefonino il numero di un centro antiveleni.

– portate con voi la tessera sanitaria del bambino.

2. Il mal d’auto o di mare

Può essere provocato da qualsiasi mezzo di trasporto, nave, auto, treno, aereo. È legato ai movimenti irregolari del corpo che causa sensazione di malessere, provoca sudorazione fredda, nausea e vomito e può colpire i bambini di età compresa tra i 3 e i 12 anni. Meglio

– cercare di distrarli, facendo guardare loro la strada o il paesaggio;

– tenerli in posizione dritta;

  • avere una guida tranquilla,
  • evitare i cattivi odori,
  • non dar da bere bibite gassate e latte ed evitare i pasti abbondanti
  • – se il bambino ha cinetosi, dai 4 anni in su può masticare gomme o prendere pasticche a base di dimenidrinato, un antistaminico indicato per il mal di movimento.

3. Con il caldo, attenzione ai colpi di calore

Aumento della temperatura, aumento dell’umidità e assenza di ventilazione possono causare il colpo di calore.

Come riconoscere il colpo di calore: i segnali del colpo di calore sono senso di malessere con mancamento, nausea, vomito, febbre, mal di testa, respirazione frequente, crampi muscolari e, più raramente, disturbi neurologici quali delirio o convulsioni.

Come prevenire il colpo di calore:

– restare in casa nelle ore più calde della giornata;

– indossare abiti leggeri e di colore chiaro, con tessuti che facilitano la traspirazione;

– utilizzare un ventilatore o l’aria condizionata con la funzione di deumidificazione;

– somministrare una maggiore quantità di liquidi privilegiando alimenti contenenti più acqua come frutta e verdura);

– non bere bevande troppo fredde;

– rinfrescarsi frequentemente con un bagno al mare o una doccia;

– non lasciare mai il bambino in un veicolo parcheggiato all’aperto

– non effettuare attività fisica nelle ore calde.

Cosa fare in caso di colpo di calore:

– sdraiare il bambino a terra con le gambe sollevate;

– portarlo in un ambiente ombreggiato e fresco, meglio se provvisto di condizionatore o ventilatore;

– spruzzarlo con acqua sul corpo o utilizzare un asciugamano bagnato;

– se cosciente, fargli bere acqua, non fredda, ma a piccoli sorsi;

– se i sintomi si presentano sin dall’inizio gravi o il bambino non si riprende, chiamare il 118.

4. Sotto il sole con prudenza: le regole per esporre i bambini ai raggi solari

Esporsi al sole è benefico per i bambini, ma è meglio non esporli nelle ore meno calde e proteggendo la cute con filtri solari. Maggiore attenzione deve essere utilizzata per i bambini più piccoli e con coloro che hanno la pelle chiara, che più facilmente possono andare incontro a eritemi cutanei.

La quantità di melanina prodotta è minima nelle prime fasi della vita e poi la produzione aumenta progressivamente.

Mai senza crema solare: 

– Scegliere prodotti con un ampio spettro di assorbimento, che copra tanto la banda dei raggi UVA che degli UVB.

– Preferire i prodotti con fattori di protezione più alti tenendo presente che non esistono protezioni o schermi totali e che per legge la protezione massima dichiarabile è di 50 per gli UVB.

– Valutare la resistenza all’acqua, al sudore e la persistenza del prodotto; lo schermo va comunque applicato più volte.

– Scegliere una formulazione ben tollerata ed accettabile cosmeticamente.

Le regole della “tintarella intelligente”

Per ottenere una bella tintarella evitando gli effetti nocivi del sole è bene seguire oche regole:

– evitare l’esposizione tra le ore 11 e 16,30, quando la concentrazione dei raggi UV è maggiore;

– evitare le posizioni immobili e non far dormire il bambino sotto il sole;

– evitare preparati “casalinghi” che stimolano l’abbronzatura;

– ombrellone o bagno in acqua non sono una protezione efficace;

– non utilizzare prodotti potenzialmente fotosensibilizzanti come farmaci, cosmetici, profumi;

– partire all’inizio con fattori di protezione elevati per diminuire solo quando si è sviluppata una certa abbronzatura

  • applicare ripetutamente le creme protettive, almeno ogni 2 ore circa e dopo ogni bagno.
  • consultare il dermatologo per consigli specifici nel caso di bambini affetti da patologie cutanee.

5. I viaggi in aereo: i trucchi per atterraggio e decollo

I disagi per un bambino potrebbero essere legati soprattutto alle variazioni di pressione tipiche del volo: consigliato allora ’far ciucciare’ il bambino o proporgli un pasto con il biberon, soprattutto in fase di decollo ed atterraggio.

La variazione del fuso orario può provocare alterazioni del sonno nei primi 2-3 giorni di vacanza e poi il bambino si adatta.

6. Se si va in montagna: occhio ad altitudine e freddo

Una vacanza in montagna presenta molti benefici per i bambini, ma le temperature basse possono comportare problemi soprattutto ai più piccoli.

Salire gradualmente: non raggiungere alte quote troppo rapidamente, che potrebbero causare disturbi come mal di testa, insonnia, spossatezza, perdita di appetito e nausea. In presenza di questi sintomi, meglio interrompere l’ascensione ed eventualmente riscendere a valle.

Proteggere la pelle dal sole: altitudine e la neve potenziano l’effetto delle radiazioni solari meglio non rinunciare a occhiali e alla crema solare.

Indossare calzature alte e comode: devono essere leggere e flessibili, devono coprire le caviglie e devono essere ben allacciate.

Seguire un’alimentazione adatta: cibo e bevande devono essere adattate al fabbisogno energetico e alla perdita di liquidi legati all’aumento dell’attività fisica. In particolare è importante fare una buona colazione.

 

BAMBINI CON L’ASMA, COME GODERSI LE VACANZE

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK