Silent book, che cosa sono i libri senza parole per bambini 

di Fabiana Commenta

Si chiamano silent book, ma che cosa sono esattamente? Si tratta di veri e propri libri per bambini, ma senza parole e assolutamente silenziosi pensati appositamente per i bambini e per stimolare la loro fantasia senza appoggiarsi alle parole scritte, ma soprattutto per riflettere sui diritti violati dei bambini.

filastrocca primavera gianni rodari

I silent book nascono da un’idea della onlus Ecpat Italia che fa parte della rete Ecpat (End Child Prostitution And Trafficking) che nel mondo si occupa del contrasto dello sfruttamento sessuale dei minori. 

E proprio i silenti book sono strutturati con tavole, sono senza dialoghi e senza didascalie, senza testi: sono costruiti solo attraverso le immagini che tracciano la storia raccontata e che può essere raccontata in tanti modi diversi. 

Spetta proprio al bambino inventare e arricchire la storia in tanti modi diversi creando le diverse sfumature dei tanti personaggi: anche in questo caso la trama della storia è composta solo da illustrazioni, ma anche senza dialoghi, il libro riesce a raccontare temi importanti come la prostituzione infantile, la tratta di bambini, il dramma delle spose informando anche i più piccoli su abusi e violenze diffuse in tutto il mondo. Sono ormai quasi due anni che Ecpat Italia mette a disposizione i ‘libri silenziosi’ per le scuole con centinaia finora i libri distribuiti gratuitamente (ma sono acquistabili anche online). I ‘libri silenziosi’ possono essere letti insieme agli adulti  insieme agli adulti e fra già bambini insieme. 

Il titolo stesso  comincia ad evocare la fantasia e poi tutti insieme si commentano le immagini che vanno lette dando loro un significato e ponendo una serie di domande:  dai personaggi al luogo, alle emozioni ai colori utilizzati. 

Il libro ‘Cuore di tigre’ ad esempio parla del tema delle spose bambine per incentivare i piccoli a conoscere i propri diritti e a comprendere come difenderli

LIBRI DA LEGGERE IN ESTATE PER I BAMBINI

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK