Ricette Halloween per bambini, i fantasmini e le zucche di frutta

di Redazione Commenta

Oggi vi propongo un’idea (ricetta sarebbe troppo) per realizzare uno snack sano ed allettante per Halloween che riesca a catturare l’attenzione dei bambini. I fantasmini e le zucche di frutta rappresentano una merenda perfetta per la festa più spaventosa dell’anno. Come è facile immaginare, si tratta di un dolcetto a base di frutta, (banane e mandarini nello specifico), che si prestano, con qualche piccolo accorgimento, a dare vita ad alcuni dei soggetti legati alla Festa di origine americana.

Ricette Halloween bambini fantasmini zucche frutta

Alla base della cucina c’è molta creatività, e trasformare la comune frutta in personaggi halloweeniani è un gioco da ragazzi. Vi basterà sbucciare con cura sia le banane che i mandarini e tagliare le prime alla base, in modo che possano rimanere in piedi da sole. A questo punto per creare gli occhietti misteriosi dei nostri fantasmini avete due possibilità: tracciare con il cioccolato fuso due palline oppure applicare due gocce di cioccolato premendo leggermente in modo da far si che non si stacchino facilmente.

In quanto ai mandarini siete già facilitati dal loro aspetto che ricorda in maniera naturale una zucca: potreste applicare al centro dei riccioli di pasta di zucchero verde fatti da voi oppure ritagliare un gambo di sedano in modo da ottenere dei bastoncini da inserire al centro degli agrumi. I fantasmini e le zucche di frutta si rivelano essere perfetti anche nell’ambito di un buffet a tema o ancora di una terrificante festa in maschera.

Dimenticavo: la “ricetta” non contiene naturalmente uova, glutine e latte: è quindi a prova di intolleranze, dalle quali sempre più bimbi sono colpiti: risulta perfetta per tutti. Nulla da aggiungere se non il fatto che la frutta così servita conferisca un tocco in più alla tavola di Halloween.

Abbinateli alla zuppa di strega al cioccolato o ai biscotti a forma di ossa. Quì invece trovate ben 6 ricette dolci e salate che stupiranno i piccoli di casa.

Photo Credit | Thinkstock