Frutta ricoperta di cioccolato per la merenda dei bambini

di Redazione Commenta

Quale alimento più della frutta si presta ad una merenda sana e golosa? Fortemente consigliata dagli esperti, dovrebbe fare parte dell’alimentazione di tutti, bambini compresi. Non sempre però, questi ultimi, riescono a mandarla giù con piacere. Che ne dite allora di renderla più allettante ai loro occhi in modo che ne divorino le quantità consigliate? Un ottimo escamotage consiste nel preparare la frutta ricoperta di cioccolato in modo da creare deigli sfiziosi bocconcini o dei simil ghiaccioli.

Frutta ricoperta  cioccolato merenda bambini

Preparare la frutta ricoperta di cioccolato è più semplice di quanto si possa pensare: vi basterà scegliere la frutta da utilizzare, lavarla, asciugarla e tagliarla a pezzi delle stesse dimensioni, quindi infilzarla con degli stuzzicadenti o delle barrette di legno ed immergerla nel cioccolato fuso.

A proposito di quest’ultimo consigliato è quello fondente per via del fatto che rispetto alle altre tipologie risulti anche un po’ più sano. I bambini, però, spesso preferiscono il sapore nettamente più gradevole di quello al latte, in tal caso utilizzate pure quest’ultimo.

Dopo avere tuffato la frutta nel cioccolato perfettamente fuso adagiatela sui vassoi rivestiti di carta forno e fate solidificare lo strato esterno. Ma non finisce quì: nel caso in cui vogliate renderla perfetta per una merenda golosa o per una festa di compleanno, spolverate sullo strato di cioccolato ancora liquido della granella di futta secca, come ad esempio le noccioline, delle codette colorate, o ancora delle scagliette di cioccolato bianco o della farina di cocco.

E’ preferibile che conserviate la frutta ricoperta di cioccolato in frigo fino al momento dell’assaggio così da evitare che il caldo primaverile la faccia sciogliere irrimediabilmente. In quanto alla frutta indicata utilizzate quella di stagione: le banane e le fragole si rivelano essere perfette in questo periodo dell’anno così come anche le pere, le mele, l’anguria, i kiwi e l’ananas.

Phtoto Credit | Thinkstock