Pilates in gravidanza: gli esercizi pre e post parto

di Daniela 3

gravidanza e pilates

Come abbiamo più volte evidenziato, fare sport in gravidanza è molto utile per prepararsi in modo sereno al lieto evento, non solo dal punto di vista fisico, ma anche da quello psicologico; proprio per questo oggi vorremmo proporvi un’attività utilissima da fare sia prima che dopo il parto, e cioè il pilates.

Il metodo pilates prima e dopo la gravidanza è molto utile,  perché aiuta a rafforzare la schiena in vista del parto e dopo di esso aiuta a ritrovare la forma fisica. Il pilates si basa sulla respirazione sulla concentrazione, quindi lo sforzo fisico è sempre regolato dalla scelta personale, fatto che lo rende perfetto per le donne in gestazione.

Inoltre i corsi di pilates pre-parto sono studiati proprio le future mamme in modo da garantire loro la migliore preparazione. In genere, le lezioni di pilates in gravidanza iniziano dopo il primo trimestre e possono continuare per tutta la durata della gestazione.

Gli esercizi proposti si focalizzano sul baricentro della donna, il quale durante la gravidanza si sposta in avanti a causa del peso del pancione, provocando forti dolori alla schiena; i movimenti suggeriti dal pilates servono a sciogliere i muscoli del dorso, a rafforzare quelli del perineo e insegnano a respirare in modo corretto.

Il metodo pilates è utile anche dopo il parto per rimettersi in forma; dopo un paio di mesi dalla nascita del bambino, la mamma potrà riprendere gli allenamenti, sia nel caso che abbia avuto un parto naturale, sia che abbia subito il taglio cesareo. Con gli esercizi mirati di questo metodo, la neo mamma potrà tonificare i muscoli addominali messi a dura prova dalla gravidanza, e tonificare la pancetta che, di solito, rimane dopo il parto. Inoltre, gli esercizi aiutano a ritrovare la giusta postura della schiena e a sciogliere i muscoli della parte alta del dorso, che in genere si irrigidiscono durante l’allattamento.