Neomamme, il mal di schiena si combatte con l’osteopatia

di Redazione Commenta

Gravidanza, gioie e dolori. Tra questi come non citare il classico mal di schiena che accompagna le future mamme durante la dolce attesa e che, a volte, persiste anche dopo il parto? Nonostante esistano diverse possibili cure un aiuto può arrivare dall’osteopatia. Niente farmaci ne trattamenti: solo la manipolazione delle zone interessate, effettuata naturalmente dalle esperte mani di un professionista può ridurre, nel giro di pochi incontri, il dolore alla schiena in maniera significativa.

 

Neomamme mal di schiena combatte osteopatia

In base ad un recente studio presentato dalla rivista Journal of the American Osteopathic Association si sarebbe giunti alla conclusione che, tramite la manipolazione, il dolore alla schiena legato al post partum diminuisca addirittura del 70 %. Un’ottima notizia non solo per le neo mamme alle prese con il mal di schiena associato a notti insonni e a tutti gli effetti collaterali del parto, ma anche per chi non veda di buon occhio l’utilizzo delle medicine. Soprattutto perchè, l’uso di queste ultime è preferibile non sia prolungato e soprattutto non è sempre compatibile  con l’allattamento al seno.

Lo studio è stato effettuato su due gruppi di 80 donne aventi come comune denominatore proprio il mal di schiena da post-parto. Il primo gruppo è stato sottoposto a quattro trattamenti ad intervalli di due settimane l’uno dall’altro, il secondo, invece, a nessun tipo di terapia. Ebbene, al termine della sperimentazione ci si è resi conto di come il dolore nelle donne sottoposte a manipolazione sia diminuito di oltre il 70% rispetto a quelle che non vi erano state sottoposte. Il risultato in questione fa ben sperare, dunque, che si possa ottenere una significativa riduzione del dolore pur senza la sommistrazione di medicine e farmaci di alcun tipo.

Soffrite di mal di schiena durante la gravidanza? Scoprite quali sono le posture giuste da mantenere, i consigli a riguardo e gli esercizi per alleviare il dolore.

Photo Credit | Thinkstock