Mal di schiena in gravidanza: quali sono le posture giuste

di Redazione 3

mal di schiena in gravidanza

Con il progressivo aumento del peso del pancione, uno dei disturbi più frequenti durante la gravidanza è il mal di schiena; questo disturbo inizia a manifestarsi intorno al quarto o quinto mese di gestazione e il dolore si concentra nella parte bassa della schiena, all’altezza dei reni, ma può interessare anche le ossa del bacino, la zona delle scapole e le gambe.

Il mal di schiena in gravidanza dipende dal fatto che con la crescita del feto il bacino si sposta in avanti per mantenere l’equilibrio, e questo spostamento causa una forte e continua tensione ai muscoli della schiena che, per via dello sforzo, fanno male. Inoltre, nel mal di schiena influisce anche la dilatazione dell’utero che preme sul nervo sciatico procurando forti dolori alla schiena e alle gambe.

Un’altra ragione del mal di schiena in gravidanza è la produzione di un ormone che rilassa i muscoli della zona lombare e li prepara all’elasticità che servirà per espellere il feto durante il parto; questo allentamento ostacola la funzione di sostegno dei muscoli alla colonna vertebrale, caricando troppo le ossa e provocando, quindi, un forte dolore.

Per cercare di avere meno dolori possibili, la prima regola è dedicare, già dall’inizio della gravidanza, qualche minuto ad alcuni esercizi che rafforzino i muscoli e allo stretching in modo da allentare la tensione. Inoltre, è importante che la gestante mantenga la posizione corretta della schiena, limiti l’aumento di peso e soprattutto indossi scarpe dai tacchi bassi per non rendere difficili certi movimenti e rischiare il sovraccarico della schiena.

Quando la gestante sta seduta deve cercare di mantenere la colonna vertebrale dritta lungo lo schienale della sedia con i piedi ben poggiati a terra, ed evitare di sedersi su divani e poltrone nei quali possa sprofondare. Quando si alza da letto non deve farlo da sdraiata perché è un movimento che impegna molto la schiena, bensì sdraiarsi sul fianco e poi sedersi sul bordo del letto con i piedi a terra; durante la guida o se sta seduta a lungo è opportuno l’uso di un cuscino anatomico. Per portare le buste della spesa è necessario suddividere il peso in più buste in modo da evitare curvature innaturali alla schiena, e se deve svolgere un’attività che richiede un lungo periodo in piedi deve cercare di mantenere la schiena eretta e non curvarsi in avanti.