Natale in dolce attesa

di Redazione 1

Manca meno di un mese a Natale e per tutte le future mamme sarà una festività molto speciale. E’ molto importante, quindi, che le donne in dolce attesa vivano pienamente e con serenità i giorni di festa, godendo di tutte le emozioni che un Natale con il pancione è in grado di regalare. Se la futura mamma sta bene e la gravidanza procede bene, infatti, non c’è alcun motivo per sottrarsi alle incombenze delle feste e al piacere di trascorrere giorni piacevoli in compagnia di amici e parenti. L’importante è organizzarsi al meglio senza affaticarsi troppo, rispettando il proprio corpo ed i segnali che esso manda.

Per quanto riguarda la corsa ai regali, se la gravidanza è avanzata, il pancione potrebbe affaticare la futura mamma. E’ importante, quindi, che la donna si muova con calma, senza fretta e che indossi abbigliamento comodo e scarpe basse senza tacchi per girare tra i negozi. Se la donna non se la sente, è meglio delegare qualcun altro per le ultime commissioni. In dolce attesa, soprattutto se la gravidanza è avanzata, può essere meglio trascorrere le festività a casa di familiari o amici per evitare lo stress e la fatica dei preparativi del pranzo o della cena di Natale.

Se, invece, si sceglie di partire e trascorrere le feste fuori casa, bisogna ricordarsi alcuni accorgimenti. Se si decide di partire in macchina è bene suddividere il viaggio in più tappe per poter sgranchire le gambe e stimolare la circolazione. Stare sedute a lungo, infatti, potrebbe causare dei trombi nelle vene. Anche i viaggi in aereo non sono controindicati se tutto procede bene,anche se conviene sempre ascoltare il parere del proprio medico. In ogni caso, qualsiasi sia il mezzo di trasporto scelto e la destinazione, è bene portare con se la cartellina con tutti gli esami clinici effettuati.

Una volta deciso dove trascorrere il Natale ci si può dedicare ai piaceri della tavola ma con qualche accortezza. Innanzitutto bisogna tener presente che in gravidanza è bene non abbuffarsi: meglio mangiare poco ma spesso. Questo perché, soprattutto nelle prime e nelle ultime settimane di gravidanza, la digestione può diventare più difficile e le nausee possono disturbare l’appetito. Anche a Natale niente insaccati, carne e pesce crudi o poco cotti, cibi grassi, pesanti, fritti e bevande alcoliche. Via libera, invece, a cibi leggeri e magri, pesce, frutta e verdura.  Limitare il consumo di dolci, anche del panettone che può favorire l’acidità di stomaco. La futura mamma deve cercare di controllarsi durante i pranzi e le cene festive perché aumentare di peso durante la gravidanza vuol dire portarseli dietro fino al parto. Durante i lunghi pasti delle feste è bene alzarsi da tavola tra una portata e l’altra per riattivare la circolazione sanguigna ed evitare la stasi venosa.

In gravidanza –spiega Anna Regalia, ginecologa dell’ospedale San Gerardo di Monza– quasi tutte le donne hanno molto sonno, e ci si può addormentare con facilità, quasi inconsapevolmente. Rimanere svegli e per rispettare le tradizioni? No, meglio assecondare il proprio nuovo ritmo biologico e, se proprio alla mezzanotte non si rinuncia, prevedere un riposino pomeridiano il giorno della Vigilia, in modo da aspettare senza affanno i regali insieme al resto della famiglia.