Nascite a San Valentino: boom di parti nel giorno dell’amore

di Redazione 2

Ci sono coincidenze straordinarie. Tra circa una settimana cade la festa degli innamorati, San Valentino. Il nostro non è certamente un sito per coppie, anche se spesso parliamo di amore e di matrimonio. Dovete sapere che, secondo una ricerca condotta dagli esperti della Yale University negli ultimi 11 negli Usa, il 14 febbraio aumentano le nascite.

È una cosa strana, perché non aumentano i concepimenti, ma i parti. Ciò vuol dire che mamma e papà hanno consumato i loro rapporti tra maggio e giugno, settimana in più settimana in meno. Stando alle statistiche, il 14 febbraio i parti spontanei sono in crescita del 3,6 percento mentre i cesarei del 12.

Come mai? Non c’è una spiegazione scientifica, ma una deduzione di carattere psicologico. I medici sono convinti che le donne non siano passive all’evento, ma estremamente partecipative, anche se non consapevoli della misura. Ne consegue che in una giornata così romantica e bella (ricordiamo che in America c’è una grande tradizione di piacevoli bigliettini augurali) le mamme possano essere nella condizione ideale per conoscere il loro pupetto.

Non è l’unica correlazione che dimostra questa tesi. Gli esperti, infatti, hanno monitorato nello stesso modo anche il 31 ottobre, la sera della festa di Halloween. In questo caso le nascite spontanee diminuiscono di oltre il 5 percento, mentre i cesarei di quasi il 17. Intervistato dall’Ansa, Gilberto Corbellini, filosofo e storico della medicina all’università di Roma Sapienza, ha dichiarato:

Le ricorrenze, religiose o pagane, possono anche svolgere funzioni pari all’effetto ‘placebo’ facilitando lo stato di rilassamento delle donne in attesa o, al contrario, aumentando il livello di stress. Non stupisce che la cultura influenzi le preferenze e che le donne siano più portate a preferire contesti migliori e un clima di festosità per dare alla luce i propri figli.

In che giorno sono nati i vostri bambini? Lo avevate previsto o è stato solo un fortunato caso? Raccontateci la vostra esperienza.

Photo Credits| ThinkStock