Nascite, è boom al Sant’Anna di Torino

di Fabiana Commenta

È boom di nascite al Sant’Anna di Torino: nel 2017 l’ospedale torinese ha fatto nasce la bellezza di ben 7.052 bambini come confermano i dati arrivati da doveecomemicuro.it, il portale di public reporting delle strutture sanitarie italiane con tanto di dati del Programma Nazionale Esiti 2017.

Parto in casa: le regole che garantiscono la sicurezza

Al secondo posto della top ten, dietro il Sant’Anna di Torino, spunta ll’ospedale Maggiore Policlinico di Milano con 5.906 parti, seguito dall’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma che che conta 4.441 nascite e si piazza al terzo posto.

Al quarto posto troviamo invece l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con 4.235 parti, seguito dal Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma con 4.219 nascite. Sesto posto per l’azienda ospedaliera universitaria Careggi di Firenze con quota 3.565 bambini, settimo posto per l’ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli di Roma (3.519), il Policlinico Sant’Orsola – Malpighi di Bologna (con 3348 bebè), il presidio ospedaliero Spedali Civili di Brescia (con 3.234  bambini) e chiude in decima posizione l’ospedale dei bambini Vittore Buzzi di Milano, con 3.215 nascite.

Fra gli ospedali che hanno registrato il maggior numero di nascite, ci sono anche molti ospedali virtuosi che hanno mantenuto intorno al 10/15% la percentuale di parti cesarei come indicato anche dall’Oms.

I migliori e più virtuosi sono l’ospedale Filippo del Ponte di Varese (con il 6,01% di parti cesarei), l’ospedale dei bambini Vittore Buzzi di Milano (9,1%), l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (14,19%), il Policlinico Sant’Orsola di Bologna (14,54%), l’ospedale Maggiore Pizzardi di Bologna (16,18%), l’ospedale Sant’Anna di Torino (17,7%), il Policlinico Gemelli di Roma (18,04 %), il presidio ospedaliero Spedali Civili di Brescia (18,17%), l’Azienda ospedaliera universitaria Careggi di Firenze (18,26%), la Fondazione Poliambulanza di Brescia (19,81%).

Alcuni degli ospedali in questione hanno poi ricevuto anche  il Bollino Rosa O.N.Da per il reparto di Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia che indica l’ottima cura delle donna in gravidanza e del bambino.

Al promo posto, l’ospedale Sant’Anna di Torino, seguito dal San Pietro Fatebenefratelli di Roma, dalll’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, l’Azienda aspedaliera universitaria Careggi di Firenze, l’ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli di Roma, il presidio ospedaliero Spedali Civili di Brescia di Brescia, l’ospedale di Padova, l’ospedale dei bambini Vittore Buzzi di Milano e il Policlinico di Modena.

PARTO POSITIVO, LE LINEE GUIDA DELL’OMS

photo credits | think stock