Colina, come assumerla correttamente in gravidanza

di Fabiana Commenta

Colina, questa sconosciuta: si tratta di un nutriente molto importante per le donne soprattutto durante i mesi di gravidanza e durante l’allattamento. 

La colina si trova nella uova che non vanno demonizzate, ma consumate regolarmente, a patto che siano ben cotte: la colina infatti è importantissima in ogni momento della vita, per il feto, per gli adolescenti e per gli adulti.

gravidanza, placenta, colina

Le sue funzioni sono molteplici visto che favorisce la sintesi dei neurotrasmettitori, il mantenimento della regolarità epatica, regola le concentrazioni ematiche di omocisteina riducendo il rischio cardiovascolare e riduce i rischi di sviluppare difetti nel feto.

È anche importante per la formazione del sistema nevoso centrale e per favorire le capacità cognitive. Insomma è talmente tanto importante che a stabilire il quantitativo corretto dell’apporto di colina, è stata l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

È stato un gruppo di esperti scientifici, Nda, a stabilire il quantitativo necessario di colona monitorando il consumo di colina in individui dei Paesi dell’Unione Europe.

I livelli di assunzione adeguata (AI) raccomandati parlano chiaro:

480 mg al giorno durante la gravidanza;

520 mg al giorno durante l’allattamento al seno momento in cui il fabbisogno cresce;

140-340 mg al giorno per i bambini e i ragazzi da 1 a 14 anni;

400 mg al giorno tra i 15 ed i 17 anni;

400 mg al giorno per gli adulti.

Questi i livelli consigliati cui adeguarsi visto che la carenza di colina può causare danni ai muscoli e un accumulo anomalo di grasso nel fegato e che l’eccessiva assunzione di colina è altrettanto dannosa causando riduzioni della pressione sanguigna, sudorazione ed effetti collaterali a livello intestinale.

ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA, IL DECALOGO DEL MINISTERO

Ma come assumere la colina? Si tratta di una vitamina, o quasi, che si trova soprattutto nella uova, ma non solo: il giusto quantitativo quotidiano di colona viene garantito da una dieta ricca e varia che includa anche la carne, il pesce, i cereali integrali, grassi e oli, la frutta, la verdura.

 

photo credits | think stock