I chili della gravidanza devono essere persi entro un anno dal parto

di Redazione Commenta

chili gravidanza

Quante volte vi siete guardate allo specchio chiedendovi: tornerà mai come prima? La risposta è sì. Se fate le brave e non esagerate con le calorie, i chili della gravidanza si perdono abbastanza velocemente e senza fare la dieta. Un po’ alla volta, prima allattando e poi seguendo a un regime alimentare equilibrato, riuscirete a rientrare nei vostri jeans preferiti. La gestazione non deve essere la scusa per mangiare senza misura: è fondamentale infatti buttare giù i chili della gravidanza massimo entro un anno.

A sostenerlo è uno studio del Mount Sinai Hospital di Toronto pubblicato da Diabetes Care, secondo cui se la neomamma non torna al peso forma entro un anno dal parto potrebbe avere dei problemi di salute negli anni successivi. Per giungere a questa tesi, sono state monitorate 300 donne in salute durante la loro gravidanza e nel periodo successivo al parto.

Risultato? L’80 percento delle mamme inizia a perdere peso dopo 3 mesi dal parto ed entro un anno nel 75 percento dei casi tornano al peso originario. Purtroppo, il 25 percento delle donne continua a essere in sovrappeso, correndo un rischio maggiore di sviluppare diabete o problemi cardiovascolari nel corso della vita.

Quali sono i problemi principali che possono verificarsi? Prima cosa tendono a sviluppare una minore sensibilità all’insulina, una condizione che a lungo termine sfocia nel diabete, ed elevati livelli di una proteina che è associata alle infiammazioni.  Come si può perdere peso? Gli esperti hanno notato che le donne con un maggior tasso di attività fisica sono quelle che hanno mostrato un maggior calo di peso. La risposta quindi è muoversi e mangiare bene.

Ricordate che durante l’allattamento è vietato fare la dieta, perché rischiate di impoverire il latte di sostanze nutritive, fondamentali per la crescita e lo sviluppo del bambino. Il vostro impegno deve essere quello di prendere tra i 9 e i 12 chili, non di più, nei nove mesi d’attesa.

 

Photo Credit | ThinkStock