Cellule staminali da liquido amniotico, nasce Associazione Onlus

di Redazione 2

Raccogliere fondi per finanziare la ricerca scientifica e progetti per lo studio e l’applicazione di cellule staminali da liquido amniotico. E’ questo l’obiettivo dell’Associazione genitori per lo studio e la conservazione delle cellule staminali amniotiche. Dotate di un’ampia capacità di differenziamento e di un’ottima versatilità di applicazione, le cellule staminali prelevate da liquido amniotico rappresentano un’importante conquista in ambito medico ed in particolare il quello della medicina rigenerativa.

L’Associazione genitori per lo studio e la conservazione delle cellule staminali amniotiche, come spiega il presidente Andrea Messuti,

non ha scopo di lucro e promuove, con finalità di solidarietà umana e sociale, lo sviluppo delle ricerche sull’uso terapeutico delle cellule staminali, con particolare riguardo alle cellule amniotiche umane. Ecco perché sosteniamo la cultura di conservare le cellule staminali presenti nel liquido amniotico per uso autologo, affinché ogni nuovo nato possa contare sulla disponibilità delle proprie cellule staminali per gli usi terapeutici attuali e futuri, incentivando anche la donazione ad uso eterologo.

[..] Un’ulteriore caratteristica distintiva delle cellule staminali amniotiche riguarda l’aspetto etico. Queste cellule, infatti, sono contenute nel liquido amniotico prelevato in sede di amniocentesi e dunque il loro prelievo non inficia i diritti del nascituro e non comporta problemi di tipo etico.

Nello specifico, l’Associazione, grazie ad un accordo con la società Biocell Center,  permette alle famiglie associate di crio-conservare le cellule staminali prelevate dal liquido amniotico per poterne, poi, usufruire in qualsiasi momento a scopo terapeutico. L’Associazione, inoltre, identifica tutto il materiale raccolto con l’amniocentesi attraverso un codice e archivia in un’importante banca dati tutte le informazioni riguardanti i donatori.

L’Associazione genitori per lo studio e la conservazione delle cellule staminali amniotiche precisa che il suo scopo non è quello di promuovere il ricorso all’amniocentesi solo per prelevare le cellule staminali amniotiche. L’amniocentesi, infatti, è pur sempre un’esame che ha una percentuale di rischi, seppur minima. L’Associazione, invece, intende informare tutte le donne che devono ricorrere all’amniocentesi per svariati motivi, che esiste la possibilità di conservare le cellule staminali presenti nel liquido amniotico che viene prelevato durante l’esame.

Per maggiori informazioni: www.cellulastaminale.it

Per approfondimenti sulla conservazione delle staminali: www.conservazionecellulestaminali.it