Ansia in gravidanza, come combatterla? Mangiando più pesce

di Ishtar 1

Ansia gravidanza come combatterla Mangiando più pesce

L’ansia in gravidanza, molto diffusa tra le donne in dolce attesa, è sicuramente un fenomeno parecchio fastidioso, specie perchè alla lunga rischia di “rovinare” uno dei momenti più significativi della vita di una donna. Tanti e diversi sono i motivi che possono arrecare preoccupazioni alla futura mamma, da una gravidanza serena, ad un bambino in salute, fino alla paura del domani. La futura mamma del resto dovrebbe cercare di affrontarla al meglio, ciò perchè oltre che sulla propria, l’ansia potrebbe avere degli effetti anche sulla salute del bebè in arrivo. Ma come combatterla? Secondo uno studio recente condotto dai ricercatori dell’Università di Bristol insieme a quelli dell’Università di Rio de Janeiro, e pubblicata su PLoS ONE un rimedio efficace sarebbe da riscontrarsi nel consumo di pesce.

Già, perchè in base ai risultati dell’indagine, condotta su circa 9.500 donne in dolce attesa, sarebbe emerso che chi non consuma regolarmente pesce in gravidanza avrebbe il 53% di probabilità in più di soffrire di attacchi più acuti di ansia intorno all’ottavo mese rispetto a chi invece è solito mangiarlo. Stesso discorso vale per le vegetariane, in questo caso ben il 25% di esse è più stressata durante il periodo di gestazione, nonostante assuma comunque degli integratori a base di acidi grassi Omega 3, notoriamente contenuti nel pesce. Ecco come lo stile e le abitudini alimentari possano apportare benefici al benessere della futura mamma e di conseguenza del bambino.

Chi consuma pesce con costanza durante la settimana, in conclusione, avrebbe più probabilità di portare a termine una gravidanza serena, libera da pensieri negativi e ciò grazie ai grassi Omega 3 che fornirebbe un valido supporto nella difesa dagli attacchi di ansia che spesso caratterizzano le giornate delle future mamme. Questi potrebbero tra l’altro provocare, a lungo andare, la nascita di bambini prematuri o sottopeso o ancora con problemi alla vista o inerenti lo sviluppo delle funzioni celebrali.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock