Vaccinazioni bambino: domande e risposte (parte prima)

di Cinzia Iannaccio Commenta

Vaccinazioni bambini. Ormai se ne parla in continuazione e purtroppo si sente di tutto. I vaccini sono spesso anche il tema di numerosi fake, pericolosi per la salute di tuo figlio oltre che per quella di tanti bambini colpiti da particolari malattie. E’ per questo che ne vogliamo parlare insieme, cercando di dare una risposta ai tanti dubbi, alle numerose domande che possono turbare ogni mamma.

Vaccinazioni: domande e risposte (parte prima)

Perché devo vaccinare mio figlio contro una malattia che non esiste quasi più?

In effetti, alcune malattie sono così rare che viene spontaneo domandarsi se il vaccino è necessario. Ebbene, la maggior parte delle patologie  che possono essere prevenute dai vaccini esistono ancora nel mondo, e quindi il rischio che tuo figlio le contragga esiste ancora. Non solo: l’immunizzazione di un vasto numero di bambini aiuta a debellare la malattia a livello globale.

Come funzionano i vaccini?

I vaccini lavorano preparando il corpo a combattere le malattie. Ciascuno contiene un agente patogeno (o parte di esso) morto/ disattivato o indebolito di una determinata patologia (ad esempio il virus della varicella o del morbillo). L’organismo in modo naturale risponde a questo agente esterno creando anticorpi che riconoscono parti specifiche di quell’agente infettivo. Questa risposta -permanente o di lungo termine- fa in modo che se si viene in contatto con la malattia, gli anticorpi sono già presenti e dunque in grado di combattere l’agente patogeno prima di sviluppare la malattia.

 

Il sistema immunitario di mio figlio si indebolisce con i vaccini?

No, il sistema immunitario produce anticorpi contro un germe, come il virus della varicella , sia che lo incontri naturalmente o sia esposto ad esso attraverso un vaccino. Essere vaccinati contro una malattia non indebolisce la risposta immunitaria a un’altra malattia. Di contro è invece importante per i bambini piccoli, quando il loro sistema immunitario è più fragile e senza un’immunizzazione potrebbero essere attaccati dalla malattia in modo pesante.

 

C’è il rischio che il vaccino faccia ammalare mio figlio, immettendo una parte di agente patogeno?

No. È impossibile ammalarsi con qualsiasi vaccino fatto con batteri o virus morti (uccisi) o solo una parte del batterio o del virus. Solo le vaccinazioni fatte da virus vivi attenuati – come i vaccini contro la varicella (varicella) e il morbillo-parotite-rosolia (MMR) – potrebbero raramente far sviluppare al bambino una forma lieve della malattia. Ma è quasi sempre molto meno grave rispetto a quando un bambino viene infettato dal virus stesso che causa la malattia. Tuttavia, per i bambini con un sistema immunitario indebolito, come quelli trattati per il cancro, questi vaccini possono causare problemi. Ed è per loro particolarmente importante l’immunizzazione dei compagni di classe.

 

Perché dovrei vaccinare mio figlio se tutti gli altri bambini a scuola sono immunizzati?

È vero che la probabilità di un bambino di contrarre una malattia è bassa se tutti gli altri che lo circondano sono immunizzati. Ma tuo figlio è anche esposto a persone diverse da quelle a scuola. E qualcuno può aver fatto il tuo stesso pensiero e non aver vaccinato il proprio bimbo. Ogni bambino non vaccinato da malattie contagiose ha una possibilità in più di ammalarsi e di contagiare qualcun altro.

 

Leggi anche:

Vaccinazioni, le strategie dei genitori contro la paura del bambino

Scuola, le vaccinazioni obbligatorie per la fascia 0-6

Vaccinquiz, il genitori alle prese con il quiz sulle vaccinazioni

photo credits | think stock