La prima Spa dedicata solo ai neonati

di Mariposa Commenta

Ritagliarsi dei momenti di coccole per stare con il proprio neonato è molto importante, soprattutto perché il piccolino arriva al mondo dopo 9 mesi nella pancia della sua mamma, un ambiente molto diverso, fatto soprattutto di acqua. Ecco quindi che i genitori dovrebbero pensare a come ricreare quella particolare dimensione.

Bambini acqua prima possibile

A Milano ha inaugurato la prima Baby Bubble Spa, un luogo dove i piccolissimi possono essere immersi nell’acqua, in tutta sicurezza e con specifiche e innovative precauzioni, già a partire dai 2-3 giorni di vita. Matteo Boccazzi, 30 anni, laureato in economia e fondatore di Baby Bubble con la Arianna, specializzata in pedagogia, ha così commentato:

«Il progetto è nato due anni e mezzo fa. L’idea ci è venuta pensando alle Spa asiatiche, che già offrono esperienze simili, magari in centri commerciali dove le mamme lasciano i bambini e vanno poi a fare shopping. In Italia e in Europa non esisteva una vera alternativa alla piscina, dove si possono peraltro portare i bambini dai tre mesi in poi, l’acqua potrebbe non essere purissima e a volte ai genitori non va di immergersi con il bambino».

Ci sono due tipi di trattamenti: uno che si può effettuare nei primi 45 giorni e l’altro invece per il periodo successivo, quando è consigliabile l’uso di una ciambella che si mette al collo dei piccolini. L’acqua ha sempre una temperatura controllata e viene depurata per osmosi tramite farina di alghe.

 

Non è tutto, perché Baby Bubble offre una lista di massaggi per curare le colichette, i raffreddori, il mal di denti, con prodotti specifici e biologici. I trattamenti, per chi fosse interessato, costano fra i 75 e gli 85 euro, per sessioni di 50 minuti, e si possono anche prenotare pacchetti da più sedute. Un progetto ambizioso, ovviamente rivolto a un pubblico benestante che potrebbe aprire ad interessanti strade terapeutiche.

Foto Credit | Thinkstock