“Il coniglio che voleva addormentarsi” il libro che fa dormire i bambini

di Redazione Commenta

Mamme e papà disperati che alla sera, dopo avere messo a letto i vostri bambini, non riuscite proprio a farli addormentare, non potete perdere “Il coniglio che voleva addormentarsi” il libro dello psicologo e professore svedese Carl-Johan Forssén Ehrlin. Non è altro che un libriccino di poche pagine, una ventina, che racchiude molti disegni e poche storie da leggere ai vostri bambini per favorire la nanna. Il libro contiene delle vere e proprie istruzioni che i genitori dovranno seguire alla lettera per conseguire la giusta efficacia.

Il coniglio che voleva addormentarsi libro fa dormire bambini

Seguendole scoprirete quale tono di voce tenere in ogni punto della storia in modo da parlare più o meno a bassa voce e più o meno lentamente. Protagonisti delle vicende sono il Coniglio, Zio Sbadiglio e Gufo Assonnato, nonchè i piccoli destinatari del racconto. Tra gli accorgimenti che mamma e papà dovranno mettere in pratica anche il fatto di sbadigliare durante la lettura, in modo da favorire la giusta atmosfera.

Il libro, pubblicato nel CreateSpace System di Amazon, è balzato, appena uscito, nel giro di qualche giorno alle prime posizioni nella classifica delle vendite con un riscontro positivo da parte di molti genitori i quali assicurano di averne tratto grandi benefici. Ehrlin racconta di averlo sperimentato sul suo stesso figlio, Leon, già prima della nascita. Nonostante “Il coniglio voleva addormentarsi” sia stato tradotto in sette lingue, non in tutte sembrerebbe avere la stessa efficacia.

C’è chi si lamenta, ad esempio, della versione italiana. C’è da sottolineare, comunque, come lo stesso non funzioni automaticamente ma come, nel leggerlo, sarà necessario ricreare la giusta atmosfera, scegliendo una stanza tranquilla e non avendo fretta. “Il coniglio che voleva addormentarsi” è attualmente reperibile su Amazon, al costo di circa 5 euro. Leggete anche la routine della nanna del neonato e guardate il video divertente dei bambini che cercano di rimanere svegli.

Photo Credit | Thinkstock