Gravidanza e caldo, i consigli per l’estate

di Fabiana Commenta

Con l’arrivo dell’estate e del caldo, la gravidanza può rivelarsi un po’ più complicata rispetto agli altri momenti dell’anno: durante la gestazione non è facile sopportare il caldo e le alte temperature anche perché le variazioni ormonali causano una dilatazione dei vasi sanguigni percepire ulteriormente la sensazione di caldo.

Caldo in gravidanza, le linee guida del Ministero della Salute

Per affrontare meglio il periodo, arrivano i consigli delll’Istituto Valenciano di Infertilità (Ivi) per le future mamme, per poter affrontare con maggiore serenità la gravidanza. Disidratazione, crampi, svenimenti, congestione o colpi di calore possono essere in agguato.

Ecco come evitarli e godersi l’estate senza pensieri. 

Disidratazione: quando fa caldo è bene reintegrare i liquidi bevendo acqua o assumendo alimenti leggeri e freschi per ridurre concretamente il rischio di infezioni alle vie urinarie.

Crampi: sono più frequenti nella stagione calda visto che il sudore drena i liquidi del corpo coni relativi sali minerali, potassio, magnesio e calcio. La carenza dei sali car lo spasmo di un muscolo. Il consiglio in questo caso è di bere oltre due litri di acqua al giorno mangiando anche cibi ricchi di vitamine e sali minerali come frutta e verdura.

Svenimento: ai primi  sintomi di svenimento, è necessario portare la persona in un luogo areato rivolgendo la testa verso il basso che favorisce l’afflusso di sangue.

Colpi di calore: è pericoloso per tutti, ma sopratutto per i neonati. Meglio controllare sempre la temperatura del bambino ed eventualmente rinfrescarlo con una doccia tiepida.

La congestione: bere molto è d’obbligo, ma è assolutamente necessario non bere le bibite ghiacciate che possono anche causare una congestione.

GRAVIDANZA, COME GUIDARE IN SICUREZZA

photo credits | think stock