Gravidanza, apre il primo ambulatorio di omeopatia in Toscana

di Fabiana Commenta

Un ambulatorio di omeopatia, il primo dedicato alle donne in gravidanza: apre nel reparto di ginecologia e ostetricia di Ponte a Niccheri, in Toscana, un ambulatorio dedicato alle donne che scelgono i rimedi naturali. 

fecondazione eterologa, test, anomalie, I gemelli nati alla 37esima settimana sarebbero meno a rischio

Sarà la dottoressa Caterina Biffoli, anestesista dello stesso ospedale toscano, a seguire le pazienti in stato in gravidanza per due pomeriggi al mese: all’interno dell’ambulatorio, struttura pubblica in ospedale, su accede attraverso il Cup, centro unificato di prenotazione.

L’ambulatorio resta aperto per tre ore due pomeriggi al mese: per accedere all’ambulatorio è necessario pagare il ticket, a meno che non si sia esenti. 

L’idea della Dottoressa Biffoli parte da un’esperienza personale dato che si è avvicinata all’omeopatia non riuscendo a risolvere un suo problema di salute con la medicina tradizionale: a quel punto ha studiato la materia in Germania e ha convinto i colleghi della ginecologia a farle aprire un ambulatorio pubblico dopo aver brillantemente risolto il problema di una donna in gravidanza che veniva alimentata con la sonda. Visti i risultati, spiega via Ansa, è arrivata l’approvazione anche della direzione sanitaria.

La Toscana resta la regione apripista nei confronti delle medicine complementari nonostante la scelta sia stata già al centro di diverse polemiche: molti medici sono contrari alla medicina omeopatica visto che i prodotti contengono quantità infinitesimali di principi attivi rispetto ai farmaci tradizionali e quindi non possono funzionare. 

La dottoressa Biffoli spiega che però non esistono degli studi scientifici che non rivelino l’efficacia dell’omeopatia: i parametri di valutazione sono diversi rispetto alla medicina tradizionale perché agiscono in modo diverso. 

OMEOPATIA, SE I GENITORI SCELGONO LA MEDICINA ALTERNATIVA

photo credits | think stock