Il secondo mese di gravidanza, cosa aspettarsi?

di Chiara R Commenta

Sei entrata nel secondo mese di gravidanza e hai preso ormai consapevolezza della tua nuova condizione. Dalla quinta settimana i sintomi della gravidanza iniziano a fare capolino. E’ il momento di pensare a te e al tuo corpo. La prima cosa da fare in questo secondo mese di gravidanza è prenotare la prima visita ginecologica. Se non hai già un ginecologo di fiducia è arrivato il momento di sceglierne uno che ti seguirà per tutta la gravidanza. 

Durante la prima visita, il ginecologo effettuerà un’ecografia interna per confermare la gravidanza e valutarne l’andamento. Il ginecologo, inoltre, compilerà la tua cartellina della gravidanza con i tuoi dati, la tua anamnesi, il peso e la pressione. Il medico potrà prescriverti degli integratori che dovrai ricordare di assumere regolarmente. Ricordati di curare l’alimentazione: segui una dieta sana ed equilibrata ricca di frutta e verdura e povera di cibi grassi e troppo conditi. Nel corso del secondo mese di gravidanza, se non l’hai già fatto in precedenza, dovrai eseguire le prime analisi del sangue. Ricordati, in queste settimane, di prenotare, se necessario, le tre ecografie di routine che dovrai effettuare nel corso della gravidanza ed in particolare nel primo, nel secondo e nel terzo trimestre. Puoi iniziare, inoltre, ad informarti sui corsi pre-parto che si tengono nella tua città ed eventualmente prenotane uno per evitare di rimanerne fuori.

Informati sulla struttura sanitaria a cui si appoggia il tuo ginecologo. Se quest’ultimo, invece,  non è affiliato a nessun ospedale o clinica inizia a guardarti intorno per trovare la struttura che si adatta meglio alle tue esigenze.

Durante il secondo mese di gravidanza puoi iniziare a leggere riviste e libri sulla gestazione per affrontare al meglio tutte le tappe di questo meraviglioso viaggio. La pancia, in questo periodo, è ancora invisibile ma puoi già iniziare a fotografarla in varie posizioni per tenere una sorta di book della tua gravidanza!

 

Photo Credits| ThinkStock