Se i genitori sono depressi, il bambino può avere problemi comportamentali

di Redazione 1

 

Capita spesso di sentir parlare di depressione post partum o baby blues. Purtroppo però non esiste solo quella correlata alla nascita di un figlio e sono molti i genitori, sia uomini sia donne, che soffrono di questo male dell’anima, che toglie le forze e la voglia di sorridere. Ma che conseguenze possono esserci sui bambini? È inevitabile che crescere con una mamma o un papà depresso inciderà sui suoi comportamenti.

Secondo i ricercatori della New York School of Medicine, i figli con accanto un padre triste e con atteggiamenti autodistruttivi saranno decisamente più emotivi e avranno problemi di comportamento, mentre la depressione della mamma è ancor più pericolosa. In questo caso, aumenta il rischio di conseguenze sia fisiche sia mentali. Si parla di rischi maggiori, ma la verità, e questo studio lo ammette senza nascondersi, è che non ci sono ancora abbastanza informazioni sulla depressione paterna.

La ricerca newyorchese ha coinvolto quasi 22 mila bambini che vivano in casa con entrambi i genitori e i risultati sono stati chiari: quando è la mamma a non stare bene i rischi sono decisamente superiori a quando ad ammalarsi è il papà. I problemi comportamentali possono toccare il bambino nel 25 per cento dei casi se entrambi i genitori sono depressi, se invece è la mamma, la percentuale è pari al 19 per cento, mentre per il papà si arriva all’11 per cento.

L’importanza di questa ricerca sta proprio nel fatto che si tratta della prima ad affrontare, in modo così dettagliato e con un campione molto vasto, questa tematica. Spesso si pensa che i disturbi mentali siano solo ereditari, non è sempre vero. Ci sono dei casi, anche numerosi, in cui le influenze comportamentali pesano decisamente di più. Detto ciò, ci vorranno altre ricerche per completare il quadro e per elaborare una terapia preventiva sia per i genitori sia per i figli.