Bonding prenatale, ossia legame empatico tra madre e feto

 
Daniela
28 settembre 2009
Commenta

bonding prenatale

Il termine inglese “bonding” significa “legame empatico” e, con riferimento alla gravidanza, indica la relazione che va stabilendosi tra il feto e la futura mamma durante la permanenza del nascituro nel pancione. Questo rapporto si costruisce gradualmente sulla base di scambi sensoriali ed emotivi che, nel corso dei nove mesi, si fanno via via più definiti e articolati, e individua il suo componimento nel reciproco riconoscimento che si verifica tra madre e figlio subito dopo il parto.

A partire da questo momento tale legame evolve nel cosiddetto rapporto di attaccamento che andrà consolidandosi tra loro, in particolare nel primo anno di vita del bimbo. Accanto allo sviluppo fisico del feto, durante i mesi dell’attesa vorrebbero quindi poste le basi di quella che sarà la relazione futura tra il piccolo e la sua principale figura di riferimento, quindi di una componente essenziale della maturazione emotiva e cognitiva dell’individuo.

Ecco perché si rivela così importante riuscire ad attivare quanto prima il contatto con la creatura che va formandosi all’interno del vostro corpo, avendo cura di coglierne i messaggi e stimolare le reazioni: ciò vi predisporrà nel modo migliore al prossimo incontro con lui, oltre che favorire il precoce utilizzo da parte del feto alle sue abilità sensoriali e percettive, stimolandone lo sviluppo.

Potete prendere l’abitudine di parlare con il piccolo attraverso il pancione, assumendo un tono calmo e dolce, cantando per lui o raccontandogli favole, ascoltando insieme della musica; molti studi hanno infatti dimostrato come già dalle prime ore di vita il bimbo riconosca la voce della mamma e del papà, o musiche ascoltate di frequente nell’attesa.

Sono importanti anche le stimolazioni tattili: ben vengano, quindi, carezze e leggere pressioni fatte con le mani sull’addome: più la maturazione del feto va affinandosi, più esse produrranno particolari reazioni che col tempo imparerete a  riconoscere e ad attivare. Ricordate, infine, che il vostro umore e stato emotivo vengono percepiti all’interno del pancione, soprattutto se ci sono situazioni conflittuali o episodi traumatici.

Articoli Correlati
YARPP
Il feto passa alla madre parti di sè forse per abituarla alla sua presenza

Il feto passa alla madre parti di sè forse per abituarla alla sua presenza

Quello tra madre e figlio durante i nove mesi di gestazione è uno scambio vero e proprio. Non sono solo le mamme a trasmettere al bimbo parti di sè ma […]

Il singhiozzo del feto

Il singhiozzo del feto

A partire dal secondo trimestre di gravidanza la futura mamma sente il proprio bambino muoversi dentro al grembo. All’inizio è solo uno sfarfallio appena percettibile ma con il passare del […]

Cadute ed urti al pancione, rischi  per il feto?

Cadute ed urti al pancione, rischi per il feto?

In gravidanza, nonostante le future mamme si muovano con molta cautela, può capitare di prendere una botta, ricevere un colpo o cadere. In questi casi, la paura delle donne in […]

Il bonding, ovvero il legame fra la mamma e il bambino

Il bonding, ovvero il legame fra la mamma e il bambino

Con il termine bonding si indica il processo che porta alla formazione del legame fisico e psicologico fra il bambino e i suoi genitori, la mamma in particolare, legame in […]

Calcolo della lunghezza del feto

Calcolo della lunghezza del feto

Calcolo della lunghezza del feto Come funziona?Per calcolare la lunghezza del feto, hai bisogno della misura del femore ottenuta con l’ecografia. (in mm) Inserisci il valore cliccando sui numeri e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento