svezzamento
Svezzamento vegetarianoecco vantaggi secondo Veronesi

Autosvezzamento del bambino, come funziona?

Dimenticate pappe, minestrine, omogeneizzati e frullatore: se siete intenzionati a tralasciare il tradizionale svezzamento dei bambini, sappiate adoperare le regole giuste dell’autosvezzamento a cominciare dalla presenza del bambino a tavola con gli adulti e la possibilità di assaggiare ogni tipo di alimento.

Svezzamento vegetarianoecco vantaggi secondo Veronesi

L’autosvezzamento però non deve essere improvvisato visto che devono essere necessariamente adottare le giuste regole messe a punto dall’Associazione Culturale Pediatri con l’intenzione di indirizzare al meglio mamma e papà che vogliano optare per uno svezzamento non tradizionalmente inteso. 

Crema di lenticchie per lo svezzamento

Crema di lenticchie per lo svezzamento

Iniziato ufficialmente lo svezzamento, a partire dai 9 mesi è possibile introdurre i legumi. Indispensabili per il benessere di adulti e bambini, tra questi spiccano le lenticchie le quali, probabilmente insieme ai piselli, risultano essere le più amate dai piccoli nonchè le prime a poter essere inserite in tale fase di transizione alimentare. Tra le ricette adatte allo svezzamento c’è la crema di lenticchie che, a dir la verità, non va bene solo per i bambini anche più grandicelli, ma pure per gli adulti.

Crema di lenticchie per lo svezzamento

Svezzamento vegetarianoecco vantaggi secondo Veronesi

Divezzamento, le regole del Ministero della Salute

Un momento fondamentale per lo sviluppo e la crescita del bambino, è quando il piccolo passa dall’alimentazione liquida a quella solita. Questo passaggio si chiama divezzamento e dovrebbe seguire un calendario abbastanza rigido, almeno secondo quanto consiglia il Ministero della Salute e l’Organizzazione mondiale della sanità.

Svezzamento vegetarianoecco vantaggi secondo Veronesi

Autosvezzamento pro contro

Autosvezzamento, pro e contro

Quello dell’autosvezzamento è un metodo che favorisce i gusti e le preferenze del bambino. Affidandovisi si lascia sia il piccolo a scegliere gli alimenti complementari al latte materno da introdurre nella propria alimentazione. Si tratta di un tema particolarmente dibattuto, sul quale ci sono non pochi dubbi nonchè opinioni piuttosto contrastanti tra gli esperti. Resta il fatto che non sia possibile stabilire il momento esatto in cui iniziare: sarà lo stesso bambino a mostrarsi pronto non prima, comunque, dei sei mesi di vita.

Autosvezzamento pro contro

Gli errori più comuni nello svezzamento

Lo svezzamento è una fase delicata perché non solo segna il passaggio dall’alimentazione liquida (il latte) a quella solida, ma mette le basi al rapporto che il bambino avrà con il cibo in futuro e alla salute dell’adulto. I tempi dello svezzamento non devono essere rigidi, ma non vanno né troppo posticipati né anticipati, come spesso accade. Inoltre, occorre fare attenzione a non eccedere nelle proteine, negli zuccheri, nel sale e al non esagerare con cibi poco grassi.

svezzamento

crema cavolfiore svezzamento bambini

La crema di cavolfiore per lo svezzamento dei bambini

La crema di cavolfiore rappresenta una ricetta perfetta da preparare ai bimbi durante la fase dello svezzamento. Si tratta di una pappa cremosa ed appagante che non può non costituire, per loro, una coccola sana perfetta per la loro crescita. E’ indicata a partire dai 10-11 mesi. Il cavolfiore, come ben sappiamo, oltre ad essere di stagione e quindi particolarmente gustoso, è anche ricco di proprietà nutritive preziose per la salute di tutti, dei bambini in particolare.

crema cavolfiore svezzamento bambini

La cacca del neonato: i colori e i diversi significati

Per anni siete rimaste totalmente allibite delle amiche, sorelle e cugine più grandi, che una volta diventate mamme non ha fatto altro che parlare della cacca del neonato per almeno il primo anno. Ora le capite, perché è diventato l’argomento di conversazione più gettonato in famiglia. Può sembrare strano ma la cacca è il principale termometro di salute del bambino.

cacca-del-neonato

Svezzamento vegetarianoecco vantaggi secondo Veronesi

Svezzamento vegetariano, i vantaggi secondo Umberto Veronesi

Nonostante ci sia ancora chi storca il naso, il vegetarianesimo ha preso oramai piede nell’ambito dell’alimentazione di molti italiani, i quali tendono a loro volta a favorirlo nella dieta dei propri bambini, ad iniziare dallo svezzamento. Diversi sono i vantaggi legati alla dieta vegetariana, come da sempre afferma Umberto Veronesi, oncologo, ex Ministro della sanità e direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia.

Svezzamento vegetariano

Svezzamento Secondo Natura", come svezzare modo sano

“Svezzamento Secondo Natura”, come svezzare in modo sano

Quella dello svezzamento rappresenta una fase particolarmente delicata, sia per quanto riguarda il bambino, abituato fino a tale momento all’assunzione di soli cibi liquidi, che per la mamma, che si ritrova spesso a dover fare i conti con mille ansie e dubbi. A questo proposito vi consigliamo la lettura di “Svezzamento Secondo Natura”, il libro che insegna quando e come introdurre, nell’alimentazione del proprio neonato, cibi sani e biologici. Adatto in tutti quei casi in cui si voglia svezzare il proprio piccolo senza ricorrere all’utilizzo di cibi industriali e preconfezionati che, seppur più pratici, sono anche meno sicuri.

Svezzamento Secondo Natura", come svezzare modo sano

Bambini cibo regole evitare stress tavola

Bambini e cibo: le regole per evitare stress a tavola

Non è così inusuale vedere, a tavola, scene apocalittiche con bambini disperati all’idea di sedersi a mangiare o che rifiutino ostinatamente l’ennesimo boccone. Per molte famiglie il momento del pranzo o della cena non è quello idilliaco che molte pubblicità ci mostrano. Si stima addirittura che per il 25% dei bambini di età inferiore ai sei anni sedersi a tavola sia un vero e proprio stress. Niente paura però, perchè in nostro soccorso vengono i consigli degli esperti: ecco delle semplici regole per far si che quello della pappa possa diventare un momento di condivisione da trascorrere in tutta tranquillità.

Bambini e cibo: gli errori da evitare affinchè i stressino a tavola

L’alimentazione nei primi 1000 giorni di vita del bambino: le nuove linee guida

Il primo anno di vita è sicuramente quello più complesso: bisogna fare attenzione a tutto, soprattutto all’alimentazione. Svezzare i bambini non è la cosa più facile ed istintiva, soprattutto se si sceglie di attenersi alle Linee guida del ministero, soprattutto per prevenire allergie e intolleranze. Alcuni genitori – per questo motivo – preferiscono l’auto-svezzamento, attraverso cui si invitano i bambini a consumare gli alimenti senza una regola ferrea. È una proposta libera di avvicinamento al cibo. Quali sono invece le nuove indicazioni per i primi 1000 giorni di vita del bambino?

svezzamento

Come preparare la prima pappa

prima pappa

La prima pappa è un banco di prova importante per il bambino e per la mamma, che deve mettersi ai fornelli per la primissima volta per il suo piccolino. Come si deve procedere? All’inizio il pediatra vi consiglierà la farina di riso e il brodo vegetale. È ovvio che potete comprare i brodi istantanei, ma non c’è nulla di meglio di quello fatto in casa con le verdure fresche.

Svezzamento : come e quando introdurre i legumi

lenticchie

Lo svezzamento rappresenta un momento delicato da affrontare. Le mamme sono in genere colte da perplessità ed insicurezze riguardanti i cibi da dare al proprio bambino, ancora così piccolo e delicato. Si tratta altresì di un’operazione che richiede tempo e pazienza, che stanno alla base di uno svezzamento sereno e privo di complicazioni. Uno dei dubbi più frequenti riguarda l’introduzione, nell’alimentazione del bambino, dei legumi: quando e come introdurli? Come prepararli per far si che risultino adatti ai primi pasti del bebè?