Svezzamento: quando introdurre il latte vaccino

di Redazione Commenta

latte e svezzamento

“Il latte di mucca non va offerto al bambino prima di un anno”; questo è quanto emerge dall’ultimo congresso nazionale dei pediatri, dove è stato evidenziato come l’introduzione precoce di questo alimento sia dannoso alla crescita dei bambini.

Ma perché il latte vaccino non va offerto ai bambini in fase di svezzamento? Le motivazioni sono di carattere nutritivo: il latte di mucca contiene poche vitamine, poco ferro, molti grassi e proteine e troppo colesterolo per un bambino piccolo. Proprio per la sua ricca composizione, infatti, questo tipo di latte può esporre l’organismo del bimbo ad alcuni rischi che potrebbero compromettere la sua crescita, come aumentare la massa grassa o caricare di lavoro eccessivo i reni non ancora pronti.

Il periodo dello svezzamento, che inizia intorno ai sei mesi, è molto importante, perché garantisce al bambino i nutrienti necessari per la crescita, per lo sviluppo della massa corporea e per le funzioni del’organismo; un’alimentazione sbagliata fin da piccolo potrebbe influire sulla predisposizione allo sviluppo di alcune malattie, come diabete e obesità, in età adulta.

Secondo i medici i tipi di latte più adatti allo svezzamento sono due: quello materno e quello formulato. I pediatri consigliano di prolungare più a lungo possibile l’allattamento al seno, in quanto il latte materno contiene alcune sostanze molto importanti per il piccolo, come gli aminoacidi e una quantità di ferro sufficienti ai fabbisogni del bambino. Se la madre non può proseguire l’allattamento si possono usare i cosiddetti latti numero 2 consigliati dal sesto al dodicesimo mese di vita.

Esistono anche i latti di crescita, cioè quelli che devono essere consumati dal primo al terzo di vita, che sono ottenuti a partire dal latte vaccino, ma che vengono lavorati per essere più digeribili e adatti al fabbisogno di nutrienti del piccolo. Per i bambini allergici alle proteine del latte ci sono i latti idrolisati spinti, lavorati in modo che le proteine siano prive di poteri allergizzanti.