Shopping personalizzato su Tutete.com

di Redazione 2

tutete 1Sei stanca dei soliti ciucci tutti uguali? Hai paura di perdere tuo figlio dentro un centro commerciale e vuoi mettergli un braccialetto di identificazione? Vuoi semplicemente comprare qualcosa di stravagante per lui? C’è un’azienda di e-commerce che fa per te: Tutete.com.

Navigando in giro per la rete mi sono imbattuta in questo ottimo sito di vendita on line di prodotti personalizzati per la puericultura. L’aspetto del sito è molto accattivante, ma una volta entrate non saprete resistere dall’acquistare qualche prodotto!

Potrete acquistare gli accessori più diversi: succhiotti, biberon, bavaglini, zainetti, valigette, braccialetti di identificazione,asciugamani, scarpe, occhiali, abiti e chi più ne ha più ne metta.

L’idea è nata pensando a tutti quei genitori stanchi di portare il figlio all’asilo o ad una festa e di riprenderlo con il ciuccio o il biberon di qualcun altro. La consuetudine di scrivere con il pennarello indelebile non è davvero permanente (visto le sterilizzazioni) ed è brutta esteticamente. Da qui il vero lampo di genio:

un’incisione grafica che rimanesse nonostante le alte temperature e gli sfregamenti e che, in più, permettesse ai più piccini di seguire le ultime tendenze della moda

Hai tre modi per acquistare:

Dal sito tutete.com, la sequenza dell’ordine si realizza con i seguenti passaggi: Negozio -> Scegli prodotto -> Scegli quantità -> Compra -> Conferma -> Forma di pagamento -> Dati di consegna -> Registrati. Una volta finito il processo d’acquisto, riceverai un e-mail di conferma della ricezione dell’ordine.

Per e-mail a [email protected] ([email protected]), in questo caso ricordati che il pagamento si potrà fare solo con bonifico bancario.

Per telefono, al numero +34 968 90 87 98. Questo tipo d’ordine si può pagare solo con bonifico bancario.

Le spese d’invio puoi vederle durante la sequenza d’acquisto e variano in relazione alla destinazione e al peso, i tempi di consegna invece sono di 4/6 giorni al massimo.

Non ti resta che provare, c’è solo l’imbarazzo della scelta.