Pelle secca dopo il parto, come curarla

di Chiara R Commenta

La pelle di una donna, durante la gravidanza, va incontro a numerose trasformazioni. La pelle, in particolare quella della pancia, tende ad assottigliarsi, ad iperpigmentarsi e, più in generale, grazie all’azione degli ormoni, diventa liscia e luminosa. Dopo il parto, però, la pelle attraversa un periodo difficile e può capitare che diventi secca. La colpa è degli ormoni che, al termine della gravidanza, subiscono delle variazioni che determinano una riduzione dello strato superficiale della pelle e della quantità di  collagene della cute, rendendola secca e screpolata.

Con l’allattamento al seno, inoltre, la pelle della neomamma subisce un ulteriore stress. L’organismo della donna, infatti, appare debilitato in seguito alle frequenti poppate durante le quali il bambino assorbe tutte le sostanze nutritive necessarie alla sua crescita. La pelle della neomamma, soprattutto quella del viso,  rischia, quindi, di sciuparsi poichè privata dei sali minerali e delle vitamine che la rendono elastica e liscia.

Come curarla

In genere, la pelle tende a ritrovare il suo equilibrio spontaneamente una volta terminato l’allattamento. Nel frattempo, però, è importante curare la pelle per  prevenire fastidiosi  inestetismi. Per prima cosa, è buona abitudine usare quotidianamente delle specifiche creme idratanti che grazie ai loro ingredienti nutrono e proteggono la pelle. Anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella cura della pelle. E’ consigliabile seguire una dieta sana ed equilibrata, privilegiando frutta, verdura, latte ed alimenti ricchi di vitamine e sali minerali utili per il rinnovamento cellulare. Se, nonostante le cure, la pelle risulta essere ancora secca e sciupata, è possibile rivolgersi al proprio medico che valuterà l’eventualità di prescrivere un integratore di vitamine.

E voi, mamme, avete notato dei cambiamenti della vostra pelle dopo il parto? Come li avete affrontati? Quali soluzioni avete adottato?

 

Photo credit | Thinkstock