Il parto sotto ipnosi

di Daniela 4

parto con ipnosiIl parto in ipnosi è una nuova tecnica che permette di imparare a gestire il dolore e a controllare il proprio corpo; secondo gli esperti oltre il 90% delle persone sono ipnotizzabili e la donna incinta è ancora più sensibile. Con l’ipnosi la gestante partecipa in modo attivo alla nascita del bambino, perché questa pratica è in grado di modulare la percezione del dolore.

L’ipnosi si basa sul principio che ogni risposta si trova nel nostro inconscio, e per questo, durante le sedute vengono insegnate delle tecniche di rilassamento e di respirazione, atte a controllare il dolore e a partorire in modo consapevole. Tramite l’ipnosi la donna è in grado di percepire il dolore senza provarne sofferenza, bensì controllandolo; con il procedimento ipnotico, oltre all’effetto analgesico, è possibile ottenere l’annullamento dell’ansia, della preoccupazione e della tensione legata al momento e al procedimento medico. L’obiettivo dell’ipnosi è intervenire in prima persona nel parto, ad esempio imparando ad accelerare a dilatazione dell’utero tramite l’apprendimento del controllo della muscolatura addominale.

Inoltre l’ipnosi è utile anche nel periodo post parto perché aumenta la soglia del dolore, aiuta a riprendere le funzioni fisiologiche e a ristabilirsi in breve tempo, perciò è particolarmente indicata in caso di parto con taglio cesareo.

Per prepararsi al parto sono consigliate otto lezioni settimanali di tecnica ipnotica della durata di circa 45 minuti, da iniziare intorno alla trentaduesima settimana di gestazione; durante le lezioni la donna imparerà a conoscere il proprio corpo e a governarne i cambiamenti. Oltre alle lezioni si può esercitarsi a casa ascoltando dell’audiocassette e ripetendo gli esercizi; i corsi possono essere seguiti singolarmente o in piccoli gruppi.