Obesità in gravidanza: quale legame, e come rimediare?

di Redazione Commenta

Donna2
Secondo una ricerca condotta dal Trinity College di Dublino, le donne sovrappeso, o peggio, obese, possono incorrere in una gravidanza non particolarmente serena: lo studio è giunto alla conclusione che le donne in sovrappeso tendano ad avere una dolce attesa non poi così dolce, perchè spesso e volentieri contraddistinta da episodi di depressione, ipertensione e diabete gestazionale. E anche la salute del neonato, fino a prova contraria, finisce col risentire parecchio dei problemi della mamma: l’obesità materna è spesso associata alla possibilità di incorrere in un parto prematuro, a difetti del nascituro, ad anomalie congenite e purtroppo anche alla morte perinatale.

La dottoressa Cecily Begley, titolare della cattedra di Infermieristica e Ostetricia della School of Nursing and Midwifery, ha parlato chiaro in questo senso: “In Irlanda una donna su cinque è affetta da obesità. E’ un problema di salute serio, questo, che se non affrontato a modo può riverberare conseguenze negative tanto per la madre quanto per il bambino stesso”. Per questo, secondo la dottoressa, è fondamentale che le neomamme vengano sensibilizzate a prendersi maggiore cura di se stesse: “Attraverso programmi nazionali sovvenzionati possiamo sostenere e incoraggiare le donne con un alto indice di massa corporea a perdere peso prima di partorire. I benefici sono evidenti tanto per loro quanto per il bambino!”.

Per giungere a questi risultati – neanche troppo sorprendenti- i ricercatori hanno messo a confronto 523 studi di ricerca già condotti sulla gravidanza di donne obese e su quella portata avanti da donne dal peso equilibrato. “Le potenziali complicazioni dell’obesità durante la gravidanza possono riflettersi in una degenza più lunga e anche in un aumento delle spese ospedaliere. Constatata l’elevata percentuale di donne obese, a questo punto riteniamo importante investire per incentivarle a perdere peso, soprattutto perchè vogliamo ridurre i rischi per loro e per il nascituro”, è quanto ha dichiarato Michael Turner, professore di Ginecologia e Ostetricia.

Donna1Dimagrire con la Garcinia Cambogia – Ma allora come fare per dimagrire un po’? In realtà è solo una questione di buona volontà, dato che è sufficiente fare una ricerca in rete per accorgersi di come siano innumerevoli e tutti a loro modo piuttosto validi i metodi pensati per perdere i chili di troppo.

Probabilmente, per esempio, ci sarà capitato di leggere informazioni sulla Garcinia Cambogia, originaria dell’Indonesia. Questa pianta produce dei frutti caratterizzati da una buccia di colore verde che vengono utilizzati nella normale alimentazione delle popolazioni locali. Ma la fama di questa pianta va ben al di là del mero discorso alimentare, perchè è provato che la Garcinia Cambogia vanti delle ottime proprietà per favorire la perdita di peso corporeo!

Oggi giorno la Garcinia, anche considerato il fatto che ci troviamo effettivamente un po’ distanti dall’Indonesia per averla nei nostri banchi dell’ortofrutta, la si può trovare con facilità sotto forma di integratore alimentare: le dosi consigliate sono pari a 500mg di sostanza da assumere un’ora prima dei pasti principali della giornata (sebbene sarebbe il caso che ciascuno avesse una sua dose studiata ad hoc sulla base delle esigenze personali e del peso corporeo).

Come dimagrire velocemente – Ma al di là della Garcinia Cambogia che pure chiama in causa un metodo senz’altro valido e soprattutto naturale, per dimagrire, come ben sappiamo, esistono tanti altri metodi. Per esempio non possiamo minimamente pensare di dimagrire se non siamo in grado di rivedere il nostro regime alimentare: ingozzarsi di grassi, zuccheri e carboidrati buttando giù dolci e bevande gassate, ma anche smisurate quantità di pasta e pane, fa male tanto sotto un punto di vista del peso forma quanto alla gravidanza stessa! Per cui con l’aiuto di un buon dietologo dovremmo farci stilare una dieta dimagrante che sia compatibile coi nostri ritmi, le nostre esigenze e, soprattutto, con la nostra gravidanza!

Dopodiché faremmo bene anche a prendere in considerazione l’esercizio fisico. Naturalmente col pancione al seguito non possiamo pensare di fare grandi cose, ma anche le più semplici e banali sono in realtà delle attività adatte per riprendere in mano una buona linea corporea! Pertanto prendiamo la sana abitudine di dedicare anche solo una mezzoretta al dì per fare due passi sotto casa, in un parco pubblico o in spiaggia: camminare fa bene alla circolazione, aiuta a dimagrire, libera dallo stress ed è anche salutare per la salute dei nostri polmoni. Incredibile come dei semplici passi possano rivelarsi benefici, non è forse vero?

Quando parliamo di obesità, ed in particolar modo di obesità in gravidanza, faremmo sempre bene a ricordare della delicatezza del tema. Non è un caso, infatti, se il problema dell’eccessivo sovrappeso sia anche costantemente attenzionato dal nostro Ministero della Salute.