Mamma mette all’asta figli su eBay

di Redazione Commenta

Se la notizia della lotteria in Inghilterra per vincere un trattamento contro l’infertilità aveva scatento un vespaio di polemiche, attirando su di se l’ira funesta delle associazioni e delle correnti religiose questa che viene dall’Australia sembra una provocazione fatta apposta per farci rimanere di nuovo basite.

Le mamme però sanno che il mondo è grande e che c’è sempre qualche buontempone che non manca di far parlar di se. Quindi come al solito prendiamo la notizia con le pinze, non ci scandalizziamo e cerchiamo di prendere spunto da questa nota di costume per alcune riflessioni.

E’ successo a Camberra, la capitale australiana a 300 km da Sidney. Una mamma ha inserito un annuncio sul celeberrimo sito ecommerce eBay mettendo all’asta i suoi due figli di età inferiore ai 10 anni. C’è addirittura chi ha risposto all’incanto facendo la sua offerta, fino a che l’annuncio è stato oscurato dalla polizia postale.

Il responsabile delle politiche della famiglia dello Stato di Victoria ha dichiarato:

Non mi pare che quello che è avvenuto sia divertente. Non credo sia bello per bambini così piccoli venire a sapere che i genitori vogliono disfarsene come vecchi Cd usati. Sicuramente su di loro questa storia avrà un impatto psicologico negativo.

Per la donna non è stata ancora formulata un ipotesi di reato ma il Dipartimento dei servizi sociali ha fatto sapere che monitorerà la famiglia. Che in altre parole: se la caverà con qualche paternale e qualche colloquio dall’assistente sociale. E forse è giusto così se tutto può essere ridimensionato a uno scherzo di pessimo gusto.

C’era un vecchio detto popolare, una perla proverbiale che diceva: scherza con i fanti ma lascia stare i santi. Se questo vuol dire scerzare con i fanti allora si capisce bene la differenza tra “scherzare con” e “scherzare sui” fanti. Giu le mani dai bambini! soprattutto in un’epoca digitale in cui il mondo pare quasi aver sdoganato chi vuole “carne fresca al macello” da adescare in rete, è importante tornare ad essere consapevoli della sacralità del mondo dell’infanzia.

E’ una questione di rispetto. Noi mamme che spesso ci facciamo goffe paladine di un’innocenza violata siamo comunque i campanelli d’allarme di un mondo che scherza su tutto, che mischia goliardia e volgarità senza nemmeno sapere dove andare parare. Sono finiti i tempi delle barzellette sui Carabinieri.

Via | Adnkronos