MaMi, essere mamme in una grande città e non sentirsi sole

di Redazione Commenta

Tra mamme ci si guarda negli occhi e ci si riconosce. Soprattutto la mattina, quando munite di passeggini e borse si correre da un capo all’altro della città, per raggiungere i nonni e l’asilo prima di andare in ufficio. Tra mamme ci si riconosce perché nel tentativo di fare bene 250 cose in una sola ora, avanza sempre il famoso pezzo mancante dei puzzle (avete mai messo una calza diversa dall’altra?).  Noi ora scherziamo un po’, ma la dura realtà è poco distante. Ecco perché vi presento l’Associazione MaMi, Mamme a Milano.

È stata creata quest’associazione nel 2009 da due mamme, Lorena e Renata, che hanno avuto la bella idea di creare uno spazio dove le donne con figli possono ritrovarsi per fare delle cose insieme e soprattutto per avere uno spazio di relax in una città caotica come quella di Milano. Insomma, divertirsi e costruire un mondo migliore, lasciando fuori lo smog, il traffico e tutte quelle dinamiche che rendono davvero difficile crescere un bambino in una metropoli.

È un progetto ambizioso, ma che in questi due anni di attività ha trovato una dimensione e sta funzionando. Spesso i grandi centri sono anche sinonimo d’isolamento. Da un lato le città come Milano offrono molti servizi, dall’altro però scarseggiano i rapporti umani, cosa invece di cui hanno molto bisogno le mamme, soprattutto durante la gravidanza e poi nei primi due anni del bambino. Ci sono occasioni in cui una parola è più importante di mille servizi.

MaMi non è solo questo, infatti, offre sostegno anche alla coppia soprattutto nel momento in cui si diventa genitori, un passaggio molto impegnativo, crea spazi dove condividere e acquisire saperi, promuove un modello di consumo sostenibile e aiuta anche le mamme a gestire l’aspetto psicologico di un corpo che cambia. Ci teniamo a dire che per partecipare bisogna pagare una piccola quota, ma non ha fine di lucro solo di sostegno.

Photo Credits| ThinkStock