In piscina in gravidanza, precauzioni per proteggersi dalle infezioni

di Redazione Commenta

La gravidanza, periodo particolarmente delicato nella vita di una donna sotto diversi punti di vista, deve essere affrontato mettendo in pratica una serie di piccole e grandi attenzioni che possano preservare la salute di mamma e bambino. Nonostante fare sport durante tale periodo sia consigliato nella giusta misura, e la piscina si presti in maniera particolare al movimento di una donna in dolce attesa, è anche vero che la stessa rappresenti, per sua natura, un ambiente nela quale poter facilmente contrarre possibili infezioni.

piscina gravidanza precauzioni proteggersi infezioni

Se le infezioni si manifestano durante la gravidanza è risaputo che possano rivelarsi parecchio pericolose. Ecco perchè sarà bene prevenirle. La piscina, ambiente caratterizzato da una forte umidità, è anche l’habitat ideale di numerose specie di germi e batteri i quali stanno alla base di spiacevoli e fastidiose conseguenze per la salute. Quali precauzioni, dunque, per proteggersi dalle infezioni?

Innanzitutto evitate di sedervi a bordo piscina, sulla sdraio o su qualsiasi altra superficie senza prima avere disposto sopra un asciugamano. A proposito di quest’ultima, utilizzate sempre e solo la vostra, non scambiatela con amiche, altre future mamme o altre persone in genere. Non appena finito con la sessione sarà bene cambiare subito il costume, specie se ancora bagnato o umido, con uno pulito ed asciutto e, se possibile, fare una doccia.

Inutile sottolinenare come non sia consigliabile camminare a piedi scalzi (anche per eviatare pericolosi scivoloni) ma sempre con apposite ciabattine in gomma. Sarà bene, inoltre, non sostare in acqua più del dovuto e portarsi dietro un prodotto antibatterico per l’igiene sia del corpo che intima, magari consigliato dal proprio medico o ginecologo di fiducia.

Nonostante non sia sempre facile, scegliete, ove possibile, delle piscine che siano note per la loro pulizia, chiedete in giro pareri ad amici o conoscenti o magari al vostro medico che potrebbe indirizzarvi nella giusta direzione.

Photo Credit | Thinkstock