Gravidanza, gli ovuli invecchiano dopo i 25 anni

di Redazione 1

Gravidanza ovuli invecchiano dopo 25 anni

E’ assodato il fatto che le donne decidano di affrontare la gravidanza sempre più in là con gli anni. E se da una parte ciò è dettato dal lavoro, dai ritmi di vità della società in cui viviamo, in alcuni casi è proprio una scelta consapevole. Attualmente l’età media in cui una donna diventa madre si aggira intorno ai 31 anni. In molti casi però si estende fin dopo i 36. Più l’età sale più le possibilità di rimanere incinta e soprattutto di portare a termine una gravidanza serena si riducono. Ciò perchè la fecondità nella donna si riduce a partire dai 25 anni di età.

Possiamo affermare ciò in considerazione del fatto che le nostre uova crescano ed invecchino con noi. Per questo motivo una gravidanza affrontata a 35-40 anni sarà molto più soggetta a rischi rispetto ad una iniziata a 25. Ovviamente si può sempre ricorrere ad un aiuto farmacologico che in molti casi agisce positivamente sul tasso di fertilità ma che non può certo fare miracoli dopo i 40 anni. Ci sono diverse testimonianze da parte di donne over 35 che tentano per diversi mesi di rimanere incinte senza successo. Putroppo è la situazione che si presenta nella maggior parte dei casi, diciamo pure in 2 su 3, quando si decide di diventare madre dopo una certa età.

Oltre l’età della donna però altri fattori che potrebbero incidere sulla procreazione sono da ricercare ad esempio negli spermatozoi maschili. Essi, nonostante non risentano dell’età dell’uomo, in realtà sono influenzati negativamente da malattie varie, infezioni, ritmi di vita serrati ed ancora cattive abitudini come il consumo abituale di alcool e sigarette.

Tranquille però ci sono dei metodi, anche naturali, come ad esempio l’individuazione dei giorni fertili per cercare di restringere il campo dei propri tentativi, o ancora i test per l’ovulazione che potete acquistare facilmente in farmacia. Insomma, se è vero che diventare mamma dopo i 40 anni è difficile, non è detto che sia impossibile.

Photo credit | Thinkstock