Fertilità maschile, crollati del 32% gli spermatozoi negli uomini di 35 anni

di Mariposa Commenta

fertilità maschile

La ricerca spasmodica di un bambino spesso viene arrestata dall’incapacità delle coppie di concepire. Un problema molto diffuso, che tocca non solo i più “anziani” ma anche i più giovani. Esistono diversi tipi d’infertilità: quella fisica e quella psicologica. Purtroppo però spesso a prendere il sopravvento è il senso di colpa, che puntualmente colpisce le donne che non si sentono capaci di fare ciò che la natura ha pensato per loro. Prima di entrare in questa spirale (drammatica) è sempre meglio andare da un medico e fare dei controllini. Secondo un recente studio, negli ultimi 17 anni, c’è stata una vera crisi degli spermatozoi: calati nei 35enni del 32,2 percento.

La ricerca, elaborata sia in Francia sia in Italia a Padova, dimostra che i più giovani (18 anni) hanno perso circa 25 percento degli spermatozoi rispetto ai 40enni. È una situazione davvero molto preoccupante che può condizionare la fertilità futura. Normalmente un uomo produce circa 60 milioni di spermatozoi per millilitro di sperma e, perché sia considerato fertile, ne bastano anche 40 milioni. Considerate che sotti i 20 milioni la capacità di riprodursi è rara. Ci sarà un legame tra questi dati e il fatto che il 50 percento delle coppie non è in grado di avere figli? Ovviamente sì. Il secondo step è chiedersi: quali sono le cause?

Abbiamo spesso affrontato i motivi che possono ostacolare la fertilità. In materia non esistono novità. Dal fumo allo stile di vita, dalle sostanze chimiche all’uso per lavarsi di acqua troppo calda, sono fattori molto rilevanti. Non è tutto, perché il numero di spermatozoi dipende anche dalle dimensioni dei testicoli e i bambini che nascono prematuri (sono sempre di più a causa delle tecniche di riproduzione in vitro) o che sono sottopeso o sovrappeso durante l’infanzia, hanno una maggiore probabilità di produrre meno spermatozoi. Alcune di queste cause si possono superare: cerchiamo come madri, ma anche come adulti che cercano un bambino di prestare attenzione ai dettagli.

 

Photo Credit | ThinkStock

[Fonte]