Dormire bene in gravidanza riduce il rischio di parto prematuro

di Redazione 2

Dormire in gravidanza

Dormire fa bene alla salute, soprattutto in gravidanza. Quante volte vi siete sentite meglio dopo 8 ore di sonno consecutive e quante volte, nel corso dei 9 mesi, avreste solamente desiderato chiudere gli occhi e riposare? Avere un ciclo regolare di sonno è importantissimo non solo per la salute della mamma, ma anche per quella del bambino.

Secondo un recente studio dell’Università di Sydney, è emerso che dormire poco potrebbe causare un parto prematuro e a nascituri dallo scarso peso.  Gli esperti hanno condotto una ricerca su 40 donne, monitorando la gestazione ei movimenti del feto. La metà delle signore ha svolto il ruolo di controllo, mentre l’altra metà erano affette da gestosi (disturbo che colpisce alcune donne in gravidanza e che provoca negli ultimi mesi un innalzamento della pressione sanguigna).

Che cosa è stato possibile osservare? Le mammine con preeclampsia, durante la notte, hanno mostrato un respiro molto più pesante e i bimbi sono molto meno in movimento, rispetto alle signore senza disturbi. Perché è importante questo risultato? Spesso si dice che la gestosi non abbia alcun tipo di sintomo. Purtroppo questa malattia viene quasi sempre scoperta troppo tardi, quando ormai potrebbe essere a rischio la vita di mamma e bambino.

Benissimo, iniziare ad analizzare il sonno e l’attività fetale potrebbe far suonare quel campanellino d’allarme importante per una diagnosi tempestiva. Signore, non vogliamo né spaventarvi né mettervi in agitazione, solamente farvi sapere che la medicina si sta muovendo, la scienza sta andando avanti e dovete vivere serenamente questa fase della vita, davvero meravigliosa.

Gli esperti hanno, inoltre, aiutato le mamme malate con una macchina per l’assistenza alla respirazione notturna con ottimi risultati: le signore hanno respirato meglio e i bambini sono apparsi molto  meno più tranquilli. Cercate quindi di riposare e se notate delle difficoltà, parlatene con il vostro medico, per trovare insieme una soluzione.

 

Photo Credit | ThinkStock