La depressione post partum potrebbe essere correlata a una gravidanza indesiderata

di Mariposa 1

Depressione post partum

Quante mamme vivono l’arrivo del loro bambino con senso d’inadeguatezza, con la paura di non essere in grado di accudirlo e questo misto di emozioni può a volte scivolare in apatia, depressione, rifiuto dello stesso piccolino. Non c’è niente di cui vergognarsi e capita a moltissime donne (anche a quelle che non lo raccontano). Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Clinica Prenatale dell’Università del North Carolina, la depressione post partum potrebbe essere correlata a una gravidanza inaspettata.

Ci sono donne che tutti i mesi pregano sul test di gravidanza e donne, invece, che proprio non hanno nessuna intenzione di diventare madri. Può non essere il momento giusto, potrebbero non esserci le condizioni economiche o forse manca l’amore. Quanti figli sono nati da rapporti occasionali? Questo quadro di instabilità potrebbe creare alla mamma sfiducia ed essere tra le conseguenze della depressione. Durante lo studio sono state analizzate 1.238 donne in gravidanza, con un’età gestazionale tra le 15 e le 19 settimane.

Dall’indagine è poi emerso che per 443 donne la gravidanza era voluta, per 207 è arrivata troppo presto e per 40 signore invece non era proprio desiderata. Le volontarie sono state poi riviste dopo la nascita del bimbo e a distanza di un anno. I dati hanno dimostrato che i casi di depressione etano molto più comuni con gravidanza indesiderata rispetto a quelle che hanno cercato un piccolo. Dopo la nascita, la depressione ha colpito l’11 percento delle donne con una situazione precaria e il 5 percento delle altre, la situazione a distanza di un anno si è confermata la stessa.

Gli esperti hanno quindi potuto confermare anche una seconda tesi, ovvero che le gravidanze non volute hanno un più alto rischio di depressione a lungo termine. Questo studio dovrebbe essere di grande aiuto per i medici e gli operatori sanitari, che considerando il quadro complessivo possono fare prevenzione.

Photo Credit | ThinkStock

[Fonte]