Gonfiore di piedi e mani in gravidanza, i consigli per ridurlo

di Redazione Commenta

consigli per ridurre gonfiore gambe gravidanza

A partire dal sesto mese di gravidanza è molto comune che la futura mamma cominci ad accusare un fastidioso gonfiore e senso di pesantezza alle gambe e ai piedi, e a volte anche alle mani, soprattutto verso sera. Il fastidio è dovuto all’azione di alcuni ormoni che in gravidanza agiscono favorendo il ristagno dei liquidi e rendono i vasi sanguigni più deboli con la conseguente fuoriuscita del siero del sangue che va a depositarsi nei tessuti circostanti.

Il problema è sentito con ancora maggiore gravità durante i mesi estivi ed è aggravato dall’aumento di peso dell’utero che ostacola la risalita del sangue verso il cuore. Naturalmente questi fastidi scompaiono completamente dopo la nascita del bambino ma per ridurli esistono diversi rimedi. Vediamoli:

Anzitutto è bene camminare. Adesso che l’estate è finalmente arrivata è opportuno però attendere il tramonto per concedersi una bella passeggiata magari in riva al mare con il proprio partner. Sempre durante le ore più fresche della giornata potreste fare un po’ di cyclette, mentre il nuoto potrà darvi sollievo in qualunque momento, concedetevi quindi un bel bagno ogni volta che ne avete l’occasione.

Se già prima della gravidanza soffrivate di vene varicose è consigliabile che indossiate delle calze a compressione graduata. Ottimo anche dormire con le gambe sollevate e sedersi in modo da tenerle in posizione elevata. Non state in piedi troppo a lungo e scegliete calzature comode.

Prima di andare a letto fate la doccia alle gambe alternando acqua tiepida e acqua fredda. Occhio anche all’alimentazione! Lasciate perdere i cibi troppo salati e grassi e bevete molta acqua.

Come abbiamo accennato, il gonfiore di mani e piedi in gravidanza è un fenomeno del tutto normale che non deve allarmarci. Se però questo fa la propria comparsa già di primo mattino ed interessa anche il viso e le braccia è opportuno avvisare prontamente il ginecologo per escludere il pericolo di gestosi.

Photo credit | Think Stock