Donazione latte materno a Roma: la Via Lattea

di Giulia Ferri Commenta

Si dice che “tutte le strade portano a Roma”. In effetti dai tempi dell’Impero fino a oggi collegano molte citta alla Capitale: la Tiburtina, la Salaria, l’Appia, la Cassia e tante altre. Da oggi c’è anche la Via Lattea e speriamo possa percorrere molti più chilometri. Ma la Via Lattea non è nella volta celeste? Sì, però è anche il nuovo progetto della Banca del Latte Umano Donato dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e l’Assessorato alle Politiche della Sicurezza e Protezione Civile della Provincia di Roma.

Di cosa si tratta? Oltre alla raccolta del latte presso il domicilio delle donatrici su tutto il territorio della provincia e nel successivo trasporto presso la Banca del latte, un nuovo impulso arriva dall’intesa tra il gruppo + BENE farmacie associate a cui aderiscono oltre 70 su tutto il territorio di Roma e provincia e Happybimbo, grazie alla quale verrà offerto alle mamme donatrici tutto il necessario per la donazione: un tiralatte elettrico professionale sterilizzato e kit sterili per la raccolta del latte.

Perchè donare il latte materno? Il latte materno è un vero e proprio “farmaco naturale” salvavita, che mai nessun altro latte artificiale potrà mai sostituire. Anzi, i dubbi sull’eccessiva proteicità di alcune formule è spesso oggetto di studio riguardo l’obesità infantile.

E’ un gesto di civiltà e solidarietà tra mamme. Ogni anno sono oltre 2.000 i litri di latte materno raccolti dall’Ospedale. L’uso del latte umano donato è fondamentale in tutti i piccoli prematuri e nei bambini che hanno subito interventi chirurgici di resezione intestinale, per il suo potere antiinfettivo (presenza di lattobacilli, componenti del sistema immunitario; lattoferrina, transferrina, etc.) e per prevenire allergie alimentari gravi.

Esistono poi situazioni in cui il latte di donna diviene indispensabile e viene utilizzato non solo per il suo potere nutrizionale, ma anche per le sue proprietà terapeutiche (pseudo-ostruzioni intestinali croniche, malattie metaboliche, insufficienza renale cronica, cardiopatie congenite, gravi intolleranze alle proteine del latte vaccino). In situazioni difficili il latte donato è inoltre l’alternativa all’alimentazione parenterale con catetere centrale. In tali situazioni, la raccolta del latte in banche è indispensabile dal momento che i bambini hanno bisogno di essere nutriti a lungo con questo alimento.

Le patologie più frequenti per le quali è fondamentale il ricorso al nutrimento con il latte umano – sia per le sue proprietà nutrizionali sia per le sue proprietà terapeutiche – sono: grave immaturità; grave malnutrizione associata a malattie cardiache congenite o ad altre malformazioni; malattie gastrointestinali; cerebropatie con malnutrizione; AIDS; pseudo-ostruzione intestinale cronica; disordini metabolici congeniti; gravi intolleranze alimentari; diarrea intrattabile.

Torneremo domani con l’argomento spiegando come è semplice diventare donatrice di latte materno.