Denti bambini, prevenire le carie

di Mariposa 4

Per i parametri di crescita del neonato è stata realizzata una carta tricolore, ma non è l’unico documento per verificare che il bambino compia tutte le tappe dello sviluppo. All’interno delle «Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie dalla nascita all’adolescenza»,  elaborate nel 2009, per esempio, c’è tutta una parte dedicata ai denti. Già, perché nonostante le cure ortodontiche siano sempre più diffuse, molti genitori non hanno idea di come curare la bocca del bimbo. Per esempio: cosa significa sigillatura? Cosa fare per evitare che il bambino soffra di carie? Ecco tutte queste indicazioni sono contenute nelle linee.

A un anno dall’elaborazione di questo documento si fanno i primi bilanci e si scopre che molti genitori non ne conoscono neanche l’esistenza.  Lo scopo delle Linea guida è quello di permettere ai nostri piccoli di raggiungere gli obiettivi indicati dall’Oms:  il 90% dei bambini di età compresa tra i 5 e i 6 anni, entro il 2010, non dovrebbe avere carie e a 18 anni non dovrebbe esserci alcuna perdita di denti dovuta a carie o a malattia parodontale. Come? Il trattamento, chiamato anche sigillatura, prevede che i denti molari vengano spennellati con una resina atossica (dai 6 anni in su) che evita l’attacco della carie.

Purtroppo rispetto all’obiettivo indicato, siamo ancora molto indietro. Attualmente in Italia più del 20% dei bambini di 4 anni presenta carie, mentre a 12 anni l’incidenza sale al 44%. Purtroppo anche la sanità pubblica si è mossa poco, solo la Toscana ha investito un milione di euro in un progetto di controllo delle carie e di sigillatura dei molari che ha permesso di visitare 40 mila bambini, grazie anche alla collaborazione di Andi (Associazione nazionale dentisti italiani).

Inizia domani il mese della prevenzione dentale, ottobre, promosso da Andi e in tutto il Paese si potranno effettuare gratuitamente visite di controllo (da prenotare al numero verde 800800121, tutti i giorni dalle 9,30 alle 22,30).

[Fonte: Corriere]