Le App per le mamme geek e per i loro bambini

di Redazione 1

Se ci state leggendo, è ufficiale: siete delle mamme geek. Non è la prima volta che parliamo di tecnologia e della comodità di servirvi di nuovi strumenti multimediali per aiutare il bimbo a crescere. È vero: televisione, computer e telefonino vanno usati con un po’ di moderazione, perché danno dipendenza e possono non sempre essere educativi. Ma superato questo problema, non sono oggetti utilissimi?

La vera rivoluzione sono le App che hanno contagiato tutti i possessori di smartphone, iPad e tablet. Quelle che interessano a noi, ovviamente, sono le applicazioni utili per i bambini. Alcune, infatti, non sono dei semplici giochi elettronici che intontiscono il piccolo per la durata dell’utilizzo, ma sono prodotti educativi e didattici. Tempo fa abbiamo parlato di una serie di app, studiate da JekoLab, dedicate alle favole: i grandi classici revisionati in versione multimediale con dei giochi interattivi per rendere il piccolo parte integrante della storia.  Molto interessante anche FilAppStrocche, l’app elaborata da una mamma e contenente circa 8 filastrocche con musiche e immagini divertenti per il vostro cucciolo. L’obiettivo di quest’applicazione è quella di aiutare e favorire il rituale della nanna.

Oggi aggiungiamo un’altra app: La sorpresa di Ranocchia di Lina Brun. È un breve racconto, destinato ai bimbi dai 2 ai 15 anni, che ha come protagonista Veronica e una rana molto buffa. L’app permette al bambino di giocare con alcuni elementi contenuti nella favola e di stimolare le facoltà motorie, visive e uditive, proprio come fanno quasi tutti questi nuovi strumenti multimediali.  I bambini saranno quindi coinvolti con disegni, tavole da colorare, personaggi e oggetti da memorizzare. I testi sono presenti in 7 lingue diverse ed è sicuramente un altro elemento di pregio, soprattutto considerando i tanti bambini che vivono in contesti plurilingue. Ne saranno sicuramente attratti anche i genitori che desiderano aiutare il piccolo, fin da piccolissimo, ad apprendere una lingua straniera.

Photo Credits| ThinkStock