Allergia e asma allergico nei bambini, la causa è troppo zucchero in gravidanza

di Fabiana Commenta

Allergia e asma allergico nei bambini? Il rischio sembra considerevolmente più alto a causa dell’elevata assunzione di zucchero durante la gravidanza: quel che sembrava essere un’ipotesi, è stata confermata da uno studio osservazionale su circa 9.000 coppie madre-figlio effettuato dai ricercatori del Queen Mary University di Londra e pubblicato sullo European Respiratory Journal.

Sapore metallico in bocca, sintomo di gravidanza?

 

Fino a questo momento le ricerche avevano messo in evidenza l’associazione tra l’alto consumo di bevande zuccherate e asma riscontrata nei bambini, ma non era stata ancora studiata la relazione fra la quantità di zucchero assunta dalla mamma in gravidanza e l’allergia e l’asma nei bambini. 

I ricercatori hanno analizzato ben 9000 coppie di madri e figli partendo dall’associazioni fra allergia e asma allergico dei bambini. Le mamme che assumevano più zucchero presentavano un aumento del rischio pari al 38% di allergia nei figli e un aumento del 100% del rischio di asma allergico rispetto alle madri che ne assumevano meno.

GRAVIDANZA, ASSUNZIONE PRENATALE OMEGA 3 INUTILI PER IL BAMBINO

La correlazione sarebbe spiegata dal fatto che l’assunzione elevata di di fruttosio causa una risposta immunitaria allergica post-natale che causa di conseguenza anche un’infiammazione allergica nel polmone in via di sviluppo. I ricercatori però non si accontentano di quanto ottenuto e intendono replicare lo studio anche il prissimo anno cambiando coppie di madri e bambini per rendersi conto se effettivamente i risultati siano gli stessi. Se co sì fosse si potrebbe mettere a punto un piano che possa limitare l’allergia infantile e l’asma allergico attraverso la riduzione del consumo di zucchero in gravidanza. Il consiglio però per il momento è proprio quello di evitare in ogni caso in gravidanza un consumo eccessivo di zucchero perché non fa bene.

 

photo credits | thinkstock