Allattamento al seno in estate

di Redazione Commenta

Allattamento al seno in estate

Con l’arrivo dell’estate e del conseguente caldo ogni attività diventa più difficoltosa. Le alte temperature ci spossano ed i comuni impegni giornalieri diventano spesso motivo di stress. Prendiamo ad esempio le poppate: anche queste possono diventare fastidiose. Il contatto reciproco può diventare poco sopportabile e, come succede per gli adulti, anche il bambino ha più sete e di conseguenza cerca l’allattamento con più frequenza rispetto al solito. Così facendo si procura la parte del latte, quella iniziale, caratterizzata da una quantità di acqua maggiore. Tenete comunque conto che il latte materno contenga già di per se ben l’87% circa di acqua e che tali poppate saranno anche più frequenti, ma più brevi.

Uno dei primissimi e fondamentali consigli per chi allatti in estate sta nel bere tanta, ma veramente tanta acqua anche laddove non si abbia sete. Questa sta alla base della produzione del latte. Sudando troppo durante la giornata verrebbe a mancare, ecco perchè si necessita di reintagrarla costantemente. Tenete nelle vicinanze sempre una bottiglia di acqua fresca (non fredda) e non lasciate passare troppo tempo tra un bicchiere e l’altro.

Il contatto con il bambino è un momento unico, ma con 35 gradi non si riesce ad apprezzarlo a dovere. Per l’allattamento scegliete una parte della casa che risulti ventilata, ideale la stanza in cui sia presente il condizionatore avendo cura, però, di non superare i 25 °C.  Anche nel caso di utilizzo del ventilatore sarebbe bene non puntarlo direttamente verso il bebè. Per ciò che concerne la posizione, una consigliata consiste nello sdraiarsi sul letto ponendo il piccolo davanti a se in corrispondenza del seno, così facendo il contatto sarà di gran lunga limitato ed il caldo potrà essere sopportato meglio. Nel caso in cui invece ci si trovi fuori casa al momento della poppata scegliete un luogo all’ombra, appartato e che sia abbastanza fresco. Infine, non cedete alla tentazione di dare al bambino liquidi diversi dal latte, acqua compresa: il latte materno è l’unico alimento di cui abbia bisogno.

Photo Credit | Thinkstock