Parti prematuri: trovata origine genetica

 
Chiara R
3 giugno 2010
Commenta

dna

Il parto prematuro, preoccupazione di tutte le donne in dolce attesa, potrebbe avere un’origine genetica. E’ quanto sostengono numerose ricerche effettuate da scienziati di tutto il mondo. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Aberdeen, in Scozia, ad esempio, ha dimostrato che le possibilità di un parto prematuro sono maggiori nelle donne nate a loro volta prima del termine. L’equipe di medici, guidata da Sohinee Bhattacharya, ha esaminato i dati di oltre 20 mila donne scozzesi evidenziando che le probabilità di avere un parto pre-termine sono del 60% più alte nelle donne nate prematuramente, percentuale che scende al 50% di fronte a gravidanze successive alla prima. Un altro studio realizzato da ricercatori dell’US National Institutes of Health ha messo in evidenza come alcune variazioni del DNA influenzino il parto prematuro. Nello specifico, sono state esaminate 700 varianti del DNA in un gruppo di 190 geni appartenenti sia a donne che hanno avuto un parto prematuro sia a donne che hanno partorito in tempi normali. Dall’analisi è emerso che le variazioni identificate riguardano per lo più geni legati al sistema immunitario e in particolare alle reazioni infiammatorie alle infezioni.

Il gruppo di medici, guidato dal dott. Roberto Romero, è partito dal fatto che 1 prematuro su 3 nasce in seguito ad un’infezione del liquido amniotico presupponendo, appunto, che i parti pre-termine siano legati a infezioni e a variazioni dei geni del sistema immunitario. Analizzando il DNA delle donne sottoposte all’esperimento e il sangue del cordone ombelicale dei neonati, gli studiosi hanno rintracciato due geni, uno nel DNA della madre e uno in quello fetale, mutati nei casi di parti prematuri. Nel dettaglio, i geni in questione sono il TIMP2 nella madre e il gene per il recettore dell’interluchina 6 nel feto, entrambi fondamentali nella risposta alle infezioni. In pratica, spiega Romero, tali geni inducono il parto prematuro in specifiche situazioni sfavorevoli che minacciano la vita del feto e quella della madre.

La scoperta, oltre ad offrire una spiegazione delle nascite premature, è importante per la futura creazione di uno specifico test del DNA che permetterebbe di individuare e prevenire in tempo il rischio di parti pre-termine.

Nell’attesa della messa a punto di questo test genetico, è fondamentale che le donne in gravidanza seguano rigorosamente i consigli del proprio medico al fine di scongiurare i rischi di un parto prematuro.

Articoli Correlati
YARPP
L’asma nei bambini ha origine  genetica

L’asma nei bambini ha origine genetica

Tra allergie e intolleranze alimentari, sono in aumento i bambini che purtroppo soffrono d’asma.  Per i genitori la preoccupazione è molto elevata, perché gestire le crisi nel modo più corretto […]

La nausea in gravidanza ha forse origine genetica

La nausea in gravidanza ha forse origine genetica

Mia cugina e la mia migliore amica sono incinte ed aspettano due bambine che nasceranno ad agosto; nessuna delle due ha però lamentato (e per quel che ne so si […]

Obesità e parti prematuri: ecco il legame

Obesità e parti prematuri: ecco il legame

Come abbiamo scritto diverse volte l’aumento di peso in gravidanza non deve essere eccessivo, e possibilmente, neanche quello prima di essa, in quanto l’aumento di peso della gestante influisce sulla […]

Gemelli maschi? Aumento di parti prematuri

Gemelli maschi? Aumento di parti prematuri

Voglio condividere con voi i risultati di una ricerca israeliana dedicata ai parti gemellari. Secondo questo studio il peso che i bambini hanno alla nascita ed anche le eventuali complicanze […]

Gli antidepressivi causano più parti prematuri

Gli antidepressivi causano più parti prematuri

Sappiamo bene che durante il periodo della gravidanza le future mamme devono prestare particolare attenzione all’uso di farmaci. A questo proposito voglio rendervi partecipi dei risultati di uno studio compiuto […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento