Tosse nei bambini, si riduce con una buona idratazione

di Fabiana Commenta

Una buona idratazione si rivela fondamentale per poter ridurre il rischio di tosse nei bambini: lo rivela uno studio condotto dall’AIST, l’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse, che ha messo in evidenza un’incidenza doppia di tosse nei bambini che bevono poco rispetto agli altri. 

acqua bambini

I dati confermano che soffre di tosse il 90% dei bimbi disidratati rispetto al 52% di quelli ben idratati e che in generale, il 60% dei bambini non beve a sufficienza. 

Insomma bere è sempre importante e non solo in estate quando le alte temperature rischiano di causare la disidratazione, ma durante tutto l’anno comprese le stagioni più fredde, dell’autunno e dell’inverno quando le patologie delle vie respiratorie sono in agguato a causa del clima più rigido.

Il freddo poi tende a diminuire anche lo stimolo della sete con conseguenze peggiori per i bambini. 

Ma perché è così importante bene a sufficienza anche per i bambini? Gli esperti confermano il rapporto che esiste fra la buona idratazione e l’apparato respiratorio in salute. L’acqui infatti riesce a proteggere gli epiteli e favorendo l’attivazione dei naturali meccanismi di difesa che favoriscono l’eliminazione del muco e contribuisce ad inibire l’aumento della produzione di istamina, sostanza che favorisce l’insorgenza di reazioni di tipo allergico o asmatico.

Lo studio di Bologna è stato condotto su 400 bambini e ragazzi fra 6 e 14 anni rilevando che il 60% dei partecipanti allo studio beve poco durante tutto l’anno. Una forte percentuale dei bambini che bevono poco poi hanno dimostrato di avere episodi di tosse più frequenti e di maggior durata rispetto agli altri. L’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) ricorsa poi il fabbisogno per bimbi dai 6 mesi ai 3 anni che è pari circa a 600-900 millilitri al giorno; in età scolare tende a salire fino a 1100 ml/giorno; in età adolescenziale deve raggiungere i 1500-2000 ml/giorno.

IDRATAZIONE, QUANTO DEVONO BERE I BAMBINI?

photo credits | think stock