Lo svezzamento del bambino dai 4 ai 6 mesi: la frutta e la prima pappa

di Redazione 22

svezzamento-prima-pappaLo svezzamento dai 4 ai 6 mesi

Eccoci qui finalmente ad iniziare la nuova guida allo svezzamento, in questo primo appuntamento parleremo dell’inizio delle svezzamento e dunque dell‘introduzione della frutta e della prima pappa.

Quando e come iniziare a dare il vasetto di frutta durante lo svezzamento?

Molti pediatri concordano nel fissare il momento del vasetto di frutta all’inizio del quarto mese di vita del piccolo, la prima frutta infatti serve per abituare il piccolo alle nueve consistenze, ai nuovi sapori ma soprattutto per fargli prendere dimestichezza con l’amato/odiato cucchiaino. La frutta con cui iniziare è la pera poiché è quella con meno potere allergizzante, successivamente si passa alla mela. Di solito si inizia con un assaggio, poi si passa a 20 grammi al giorno per poi arrivare a dare un vasetto intero (80-100 grammi) da mangiare tutto in una volta oppure frazionato durante la giornata. Meglio scegliere le marche di omogeneizzati che non aggiungono zuccheri alla frutta per evitare di iniziare da subito con le ipercalorie.
Quando il bambino è allattato esclusivamente al seno e la crescita è buona il pediatra potrebbe decidere di slittare il momento della frutta a cinque mesi mentre nel caso si tratti di un bambino che soffre di reflusso gastroesofageo questo momento potrebbe essere anticipato al terzo mese e mezzo.

Quando e come iniziare a dare la prima pappa durante lo svezzamento?

La prima pappa si inizia solitamente al quinto mese di vita del bambino e sostituisce la poppata dell’ora di pranzo. Come abbiamo già detto se il bambino è allattato esclusivamente al seno questa tappa potrebbe essere posticipata di una quindicina di giorni mentre nel caso il bimbo soffra di reflusso gastroesofageo e abbia la necessità di mangiare cibi più densi si può anticipare anche di un mese.

La base per la prima pappa è il brodo vegetale che all’inizio è composto da una patata, una carota e una zucchina.

Come si fa il brodo vegetale per la prima pappa dello svezzamento?

Ingredienti della prima pappa: 150-200 ml brodo vegetale, due cucchiai di crema di riso oppure creama di mais e tapioca, un cucchiaino d’olio extravergine di oliva specifico per bambini e un cucchiaino di Grana Padano

brodo-vegetale
Prendi una patata piccola, una zucchina piccola e una carota piccola, le lavi molto bene e le mondi (come si dice in termine tecnico), successivamente prendi un pentolino con mezzo litro di acqua (sarebbe meglio acqua oligominerale visto che l’acqua del rubinetto contiene molto cloro) e ci metti dentro le tre verdure. Fai bollire il tutto finchè il liquido non si è dimezzato, ora tiri su le verdure e le metti da una parte. Aspetti che il liquido raggiunga una temperatura giusta e ci aggiunti la crema di riso a pioggia facendo attenzione a mescolare bene per evitare che si formino grumi ( se il brodo è troppo caldo la crema di riso resta troppo liquida e non lega). Ora aggiungi un cucchiaino di olio e il Grana.

Questa pappa va bene per i primi tre giorni, nei successivi giorni potrai aggiungere anche un cucchiaio delle verdure passate e un liofilizzato di carne di pollo, agnello, coniglio, vitella o tacchino. E dopo circa una decina di giorni passare a mezzo omogeneizzato di carne, dose che arriverà con il passare dei giorni ad un intero vasetto.

Raccomandazioni flash sullo svezzamento

  • Mi raccomando a non usare il semolino prima dei sei mesi perché contiene il glutine che può provocare la celichia nel bambino se somministrato troppo presto.
  • Il brodo vegetale può essere conservato in frigorifero non oltre 24 ore, più avanti quando aggiungerai altre verdure potrai congelarlo in  monoporzioni a patto che tu non metta la patata (rilascia delle sostanze nocive dopo 24 ore).
  • L’olio alla pappa va aggiunto sempre crudo.
  • Non eccedete nelle dosi e calcolate che queste dosi sono relative, esistono bimbi con più appetito e bimbi con meno appetito.

Ci sono momenti in cui è meglio non iniziare lo svezzamento?

Ci sono alcuni momenti in cui è bene evitare di iniziare lo svezzamento perché sarebbe inutile, e sono:

  • il bambino è stato vaccinato
  • il bambino ha l’influenza, la tosse o il raffreddore
  • il bambino sta mettendo i denti
  • il bambino è molto stanco

Alcune regole per iniziare lo svezzamento con il piede giusto:

  • Il bambino deve essere riposato perciò ti consiglio di fargli fare un sonnellino prima di iniziare, aspettare che si svegli da solo e poi iniziare con la pappa.
  • Metti il bambino sul seggiolone e crea una situazione di calma, serenità e silenzio. Cerca di evitare distrazioni come giochi o tv, quelle saranno l’ultima spiaggia nel caso nei giorni a venire tu capisca che l’impresa è più difficile del previsto.
  • Dai la pappa molto lontano dall’ultima poppata e assolutamente anche se il piccolo non mangia non dargli di nuovo il latte per almeno un’ora in modo che capisca che quello deve essere il suo pranzo e basta.
  • Armati di tanta pazienza e nel caso tu capisca che non è proprio aria lascia stare e riprendi dopo due o tre giorni.
  • Fagli assaggiare una piccola quantità di pappa con il cucchiaino, non fare bocconi troppo grandi e fallo familiarizzare con il cucchiaino lasciandoglielo in mano, le prime volte sareti tutti impiastricciati ma sicuramente otterai i tuoi risultati.
  • Dopo l’inizio della prima pappa puoi provare a dargli alla fine del pasto la frutta o in vasetto oppure grattuggiata con una goccia di limone.
  • Ora che è iniziato lo svezzamento il piccolo dovrà iniziare a bere acqua anche se è allattato al seno.

Consigli per gli acquisti durante lo svezzamento

  • Se hai paura che la pappa si freddi, puoi comprare dei piatti che hanno un piccolo serbatoio in cui mettere acqua calda che sono in grado di mantenere la temperatura della pappa.
  • Prova all’inizio con un cucchiaino in silicone che è morbido, se non va tenta con i classici cucchiaini rigidi.

Non mi resta che augurarti buona fortuna.