Russare in gravidanza: è normale?

di Redazione Commenta

Sarà capitato anche a voi di sorridere in presenza di persone che, appisolandosi, iniziano a russare catturando l’attenzione dei presenti. Contrariamente a quanto si possa pensare, russare non rappresenta un “ditrurbo” esclusivamente maschile. Sono molte le donne che russano, e ciò può essere provocato anche dalla gravidanza. Vi tranquillizzo subito: russare in gravidanza è normale, vediamo quali sono le cause.

Donna incinta dorme

Quella più evidente è legata all’aumento del peso combinato con la pressione addominale. Ciò in, particolar modo, a partire dal terzo mese. Niente paura, comunque, perchè dopo il parto, nella maggior parte dei casi, il disturbo scompare nel nulla, un po’ come si era manifestato. Inutile girarci intorno, non esistono rimedi miracolosi per evitarlo, si può, però, ricorrere ad alcuni piccoli accorgimenti che possono, in qualche misura, diminuirne la portata.

Iniziate dalla tavola. Come spesso accade l’alimentazione influisce positivamente su tutta una serie di patologie. Evitare di consumare cene pesanti, fatte di portate troppo grasse o elaborate, rappresenta un ottimo punto di partenza. Così come anche ridurre al minimo il consumo di bevande alcoliche. Altro accorgimento sta nell’attenzione da riservare alla pulizia delle cavità nasali: praticate dei lavaggi frequenti della zona interessata, che in tale periodo è caratterizzato da un accrescimento della quantità delle mucose all’interno delle vie aeree.

Dormire su un cuscino alto risulta di grande aiuto in quanto permette di tenere la testa sollevata rispetto al corpo e riduce l’ostruzione delle vie aeree durante la notte. Cercate, infine, di dormire su un fianco e con le gambe rannicchiate, ovvero la posizione che permette alla futura mamma di riposare bene.

Anche il peso corporeo, come anticipato, influisce sul problema. Tenetelo sotto controllo, con l’aiuto del vostro medico di fiducia. Non abbiate timore, comunque: russare in gravidanza è considerato un disturbo piuttosto comune, si stima che il 25-30% delle donne che aspettano un bambino ne soffra.

Photo Credit | Thinkstock