Pubertà precoce, il fenomeno riguarda anche i maschietti

di Redazione Commenta

Già qualche tempo fa vi abbiamo parlato di uno studio dell’Università del Nord Carolina, secondo il quale l’età media in cui fa la propria comparsa il menarca, ovvero la prima mestruazione, nelle bambine si è notevolmente abbassato rispetto a un tempo passando dai tredici anni del 1960 ai nove-dieci anni del 2010. Un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori statunitensi e tedeschi, mostra come il problema riguardi anche i maschietti per i quali il segno della pubertà anticipata è dato dal cambiamento del tono di voce.

Infatti, mentre fino a cinquanta anni fa la voce dei bambini assumeva un timbro adulto intorno ai tredici anni, attualmente questo cruciale cambiamento avviene intorno agli undici anni. Le corde vocali cioè, spiegano gli esperti, si ispessiscono prima che nel corpo avvenga qualsiasi altro cambiamento che suggerisca l’inizio dell’età puberale come la peluria.

Da qui la dissonanza evidente tra un vocione baritonale e un corpo da bimbo. Dissonanza, lo avevamo già detto anche a proposito della pubertà anticipata delle bambine, rischia di creare non pochi problemi di natura piscologica. Lo studio si è svolto su un campione di 1000 ragazzi in età puberale e gli studiosi hanno creato un archivio digitale delle loro voci per poter raffrontare i dati con altri raccolti in futuro e seguire l’andamento di eventuali modificazioni del fenomeno.

Ma per quale motivo accade questo? Come mai i nostri bambini si ritrovano così precocemente in corpi adulti? Secondo gli studiosi, esattamente come per il menarca precoce, anche il fenomeno della voce maschile adulta sarebbe dovuto al cambiamento globale delle abitudini alimentari: una dieta troppo ricca, troppo spesso caratterizzata dal consumo di cibi spazzatura sarebbe all’origine di cambiamenti ormonali che anticipano l’ingresso nell’età post adolescenziale.

Questo però vale per il fisico, mentre la mente rimane immatura e i nostri bambini sono esposti a tutti i rischi connessi a un’adultizzazione precoce.

[Fonte]

Photo credit | Think Stock