Pillola senza pillola, la campagna per aiutare le ragazze a una scelta consapevole

di Redazione Commenta

Quando si è giovani, è difficile avere una visione d’insieme sulla sessualità Per questo motivo è nata la campagna Pillola senza Pillola. È un progetto informativo che serve a indirizzare le ragazze che si avvicinano alla loro prima esperienza: quali anticoncezionali utilizzare, in che cose sono diversi, cosa succede alla prima visita ginecologica?

Sono domande apparentemente semplici, cui però è necessario dare risposte chiare. Spesso i genitori non fanno educazione sessuale ai figli convinti che tanto ci sia la scuola (e poi è troppo imbarazzante, soprattutto per gli uomini), viceversa la scuola non ha ore a disposizione per orientare i ragazzi, poi ci sono numerose questioni etiche che possono ostacolare la libera informazione. Risultato? Il baratro e un’ignoranza diffusa.

Sul portale del sito, i giovani (e non solo) possono trovare una mappa completa. Viene spiegata la differenza tra i vari contraccettivi ormonali e quelli a barriera. Si analizza l’uso dell’anello, della pillola, dell’impianto sottocutaneo, del cerotto, dalla spirale a rilascio ormonale e quella a rilascio di ioni di rame e del preservativo. C’è una pagina intera dedicata ai metodi naturali (e soprattutto agli eventuali rischi), come il metodo Ogino-Knaus, la temperatura basale, il metodo Billings e il coito interrotto.

Ricordiamo che sono numerose le giovani  (45%) che non usano i contraccettivi, che sono importanti non solo per evitare gravidanze indesiderate (11%), ma anche per proteggersi dalle malattie sessuali. Spesso c’è disinformazione. Le ragazze temono, per esempio, di ingrassare, di aver problemi estetici o di dover affrontare problemi di salute a causa degli ormoni. Ovviamente non è così. E solo dopo una visita ginecologica approfondita è possibile stabilire quale sia il farmaco più adatto.

 

È molto interessante, anche, il contributo relativo alla prima visita ginecologico, per molte giovani un vero terrore.  Ricordate però, ragazze, che andare da uno specialista è il modo migliore per levarsi i dubbi e chiarirsi le idee. Pillola senza Pillola sta girando l’Italia. Sul sito internet troverete tutte le date delle campagne, per incontrare personalmente i medici responsabili del progetto.